Cerca

Milano è come Cortina: blitz del fisco sulla movida

Operazione anti-evasione fiscali sui Navigi e in corso Como: 200 agenti dell'Agenzia delle entrate senza divisa, controlli in bar e locali

Milano è come Cortina: blitz del fisco sulla movida

I luoghi simbolo della movida di Milano finiscono nel mirino della Guardia di Finanza. Le fiamme gialle stanno facendo controlli nei bar, ristoranti e locali delle zone più frequentate del capoluogo lombardo, sulla scia dei blitz natalizi anti-evasione fiscale a Cortina d'Ampezzo. I controlli dei finanzieri si concentrano su Navigli e corso Como, i due cuori della vita notturna meneghina. Un'operazione simultanea scattata intorno alle 20.30 che vede impegnati quasi 200 accertatori dell'Agenzia delle entrate, aiutati da varie decine di vigili urbani e vigili del fuoco. Secondo quanto riferisce Repubblica.it, gli agenti del Fisco senza divisa si sono appostati alle casse di alcuni dei più noti locali milanesi, verificando l'emissione di ricevute e scontrini. Oltre a questo, effettueranno controlli anche su norme anti-incendio dei locali e status di lavoro del professionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    31 Gennaio 2012 - 19:07

    55 locali su 115, fuori regola pure per gli scontrini e126 in lavoro nero.un bocconcino amaro per il nord duro da digerire ,ma solo perchè si è sempre reputato perfettino e quindi normale voglia fare termini di paragone e cerchi di scaricare sul sud.Piuttosto la civiltà , è accettare e augurarsi che ovunque accada,ci sia un vantaggio per tutti.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    31 Gennaio 2012 - 10:10

    Ieri a Gioia del Colle cinque persone sono risultate evasori totali nel corso di accertamenti della Finanza, che ha scoperto 14 milioni di euro sconosciuti al Fisco: tra i furbetti, nella città delle mozzarelle pugliesi, non poteva mancare un imprenditore lattiero-caseario.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    30 Gennaio 2012 - 17:05

    Civilmente,visto che gli evasori,li obbligano tali controlli,gli altri onesti cittadini,dovrebbero anzi augurarseli,non avendo scheletri negli armadi,soddisfatti che giustizia venga fatta e scoperto chi è fuori regola.

    Report

    Rispondi

  • roda41

    30 Gennaio 2012 - 17:05

    vengano date comunicazioni non settarie,dato che irregolarità ci sono da tutte le parti,in modo da stabilire giusti equilibri e togliere le inciviltà di accuse geeneralizzate.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog