Cerca

Neve e gelo in tutta Italia Temperature siberiane al Nord

A Torino il sindaco ha chiuso tutte le scuole. Inizia una settimana di freddo record. Allerta anche a Genova e nel varesotto

Neve e gelo in tutta Italia Temperature siberiane al Nord

Scuole di ogni ordine e grado, incluse asili nidi e materne, chiuse oggi a Torino a seguito dell'abbondante nevicata che si è abbattuta nel fine settimana sul capoluogo piemontese. La decisione è stata presa  dal sindaco, Piero Fassino, in considerazione sia del persistere della perturbazione, sia per il formarsi di aree ghiacciate a causa dell'annunciato calo delle temperature. Analogamisura riguarda i centri comunali per persone anziane e disabili e i cimiteri. LaProvincia di Torino non ha emanato alcuna ordinanza per chiudere le scuole superiori di propria competenza,pertanto sono i sindaci ad averdeciso come comportars icaso per caso, valutando l'opportunità o meno di disporre la chiusura. Anche il rettore dell'Università di Torino, Ezio Pelizzetti a seguito Sarà una settimana di neve e gelo quella cominciata oggi, 30 gennaio. Neve anche a Genova e nel varesotto. Ma le previsioni annunciano l'arrivo di temperature siberiane prima in tutto il Nord, poi al centro-Sud. E, a  causa del maltempo, sono interetto le ricerche dei superstiti sulla Costa Concordia.


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • angelo.Mandara

    30 Gennaio 2012 - 14:02

    ...Dopo una modesta giornata di neve...mi è parso un pò eccessivo. Pensare ad una giornata di risparmio sul riscaldamento? Incredibile. Come pure improprio l'eventuale accostamento alla mancata chiusura delle scuole in quel di Genova, in seguito ad alluvione. Quando poi, sembra che il peggio atmosferico debba ancora arrivare (-12°)? Ma soprattutto, l'occasione darebbe spunto per considerare come questa affrettata decisione possa confermare la troppa preoccupazione che si va a creare a difesa dei nostri ragazzi-studenti ...già commentati da sommi governanti come l'ex Brunetta ("bamboccioni") e l'attuale Martone ("sfigati")...in questo modo non si fa il bene delle future generazioni. Vuol dire, allora, che in alternativa ad una bella e sana giocata a palle di neve (che a Torino mancava da tempo) aggiungeremo un'altra monotona giornata di play-station? Saluti. Angelo Mandara - Torino

    Report

    Rispondi

blog