Cerca

Bombe velenose dal cielo per liberare l'isola dai ratti

Niente predatori nè uomini: Montecristo è invasa dai topi. Per ridurne il numero saranno lanciate da un aereo 26 tonnllate di esche

Bombe velenose dal cielo per liberare l'isola dai ratti

Nessun predatore, assenza pressochè totale di umani, abbondanza di cibo. Eè così che i topi si sono riprodotti a dismisura sull'isola di Montecristo, nell'arcipelago toscano. Tanto da creare allarme e da indurre a un intervento radicale: bombardare l'isola con esche velenose. Il progetto prevede l’impiego di 26 tonnellate di pellet alimentare, analogo a quello usato ovunque per contenere i ratti, costituito da cereali a mangime appetibile al cui interno vi è una percentuale millesimale di principio attivo velenoso. Le esche, che non possono essere collocate da terra per l’inaccessibilità del territorio, saranno distribuite per via aerea con uno speciale imbuto prestato da un’altra area protetta che ha già eseguito un intervento analogo in Sardegna. Derattizzazioni simili sono state effettuate con successo nella più piccola Giannutri. Protestano gli animalisti: "L'intervento rischia di mettere a repentaglio le altre forme di fauna presenti sull'isola" dicono dalla Lav.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alvit

    30 Gennaio 2012 - 18:06

    Gettatene un bel po' dentro al parlamento, loro arraffano tutto cio' che vedono, non sia mai che... Un paio servitele con un bel bicchierone di birra al bocciofilo.

    Report

    Rispondi

blog