Cerca

"Schettino ancora comandante" Dichiarazione-choc dei legali

L'avvocato che lo difende: in teoria potrebbe continuare a fare il suo lavoro anche se ha detto che non metterà più piede su una nave

"Schettino ancora comandante" Dichiarazione-choc dei legali

Una dichiarazione choc che farà certamente discutere. Uno schiaffo per i parenti delle vittime e per i naufraghi costretti a convivere con il ricordo di quella notte in cui la loro vacanza è diventata un incubo. "In via teorica è possibile che Schettino torni a fare il comandante". A sostenerlo è uno dei legali del comandante della Concordia, l'avvocato Salvatore Parascandola, ospite di «24 Mattino» su Radio 24. «Teoricamente puòma praticamente vedremo gli sviluppi della situazione. A me non ha detto che non metterà mai più piede su una nave. L'ho letto sui giornali». Parascandola ha anticipato la linea difensiva in vista del Riesame che il 6 febbraio dovrà decidere sugli arresti domiciliari per Schettino: «Noi diciamo che deve essere liberato. Non sussistono né‚ pericolo di fuga né di inquinamento delle prove. La fuga è possibile per tutti gli italiani, ma il comandante ha famiglia, patrimonio qui nel suo paesino e poi ha un onore da difendere e che vuole difendere».


Parascandola ha accusato l'opinione pubblica: «Quello nei confronti di Schettino è un massacro ingiustificato, connotato anche da illegittimià visto che lo si ingiuria e lo si denigra al limite del codice penale, ma non quereleà nessuno, abbiamo altri pensieri». Poi la versione sulla dinamica dell'incidente: «Schettino non è fuggito quella notte - ha detto l'avvocato Parascandola - non ha abbandonato la nave, l'ha lasciata insieme ad altri. Lui stava sulla dritta della nave, il lato che si è inclinato. Ha lasciato la nave che si stava inclinando ed era pericoloso rimanere sia sul ponte, sia sulla lancia. C'erano anche i fumaioli nelle vicinanze ed era possibile uno scoppio. La cosa che più gli fa male umanamente Š proprio il capo di indagine circa l'abbandono. Un'accusa
infamante, conseguenza di quella brutta telefonata col comandante De Falco. Perché brutta? Io, comandante, sono sulla lancia per cercare di coordinare i soccorsi e ricevo una telefonata di un comandante dalla Capitaneria che dalla prima parola comincia a urlare. De Falco, dietro alla sua brava scrivania, poteva esser comprensivo della situazione in cui si trovava Schettino». Il legale poi punta il dito contro l'armatore, la Costa: «Schettino è l'indagato numero uno, ma mi meraviglio che sia il solo indagato. Costa è un grande armatore, ma Schettino è indagato pur essendo un grande capitano. Costa è un grande armatore, potrebbe essere indagato anche l'armatore».

Sulla cosiddetta pratica dell'inchino, l'avvocato ha dichiarato: «L'inchino certo l'ha fatto Schettino ma è una pratica diffusa e anche legittima per certi aspetti, non c'è una ordinanza specifica che preveda una distanza minima dalla costa, ci si richiama ai principi generali della sicurezza e accerteremo cosa non ha funzionato in questa pratica diffusa, consentita e sollecitata dall'armatore. Questi 'inchinì sono richiesti come momento di pubblicità dell'armatore stesso».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • aifide

    01 Febbraio 2012 - 19:07

    e di qualunque altra compagnia disposta a far comandare Schettino avremmo già raggiunto un risultato. Quanto ai risarcimenti per le vittime, spero che i legali delle parti lese chiedano risarcimento miliardari e che la Costa crociere chiuda definitivamente l'attività. Esiste, come per gli aerei, una autorità sovranazionale che stabilisca il divieto per le navi Costa di solcare i mari, o almeno quelli italiani?

    Report

    Rispondi

  • roda41

    31 Gennaio 2012 - 19:07

    recintata e con navi in perlustramento

    Report

    Rispondi

  • spadino65

    31 Gennaio 2012 - 16:04

    è un po' come se Berlusconi diventasse presidente della repubblica......

    Report

    Rispondi

  • gelcat

    31 Gennaio 2012 - 16:04

    Stanno tirando il brodo per farlo partecipare alla prossima edisione dell'isola dei famosi. L'Italia ormai e' questa

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog