Cerca

La vergognosa asta on line delle "reliquie" del Concordia

Su ebay sono stati messi all'asta numerosi oggetti presenti all'interno della nave. Tra i reperti, un bicchiere e una fiche del casinò

La vergognosa asta on line delle "reliquie" del Concordia

Sulla tragedia della Costa Concordia c'è anche chi ci specula per lucrare qualche soldo. Una vergogna che non ha rispetto nemmeno per i morti. Infatti da giorni, impazza su eBay l'asta di alcuni "oggetti della memoria" della nave naufragata al Giglio. Fra le reliquie messe in vendita sul sito di e-commerce si trova di tutto, reperti della Concordia o gadget creati all'occorrenza, come il cappello da marinaio "Costa Concordia Maschera Schettino Costume". Tra gli oggetti messi all'asta ci sono: il bicchiere originale, foto degli interni, la felpa del personale, la fiche del Casinò che parte da ben 250 euro come base d'asta. Nel mucchio, c'è anche il Messaggero del 15 gennaio 2012, titolo a caratteri cubitali "Come il Titanic". E ancora: c'è lo "splendido modellino in metallo", come viene descritto nella pubblicità, "base legno 7 x 23 centimetri in ottime condizioni" che ha già ricevuto 71 offerte.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    02 Febbraio 2012 - 17:05

    poi per il resto,ALLACARLONA come sempre NESSUNO ALL'ALTEZZA,poi parlano di Schettino! ora qualche soccorrritore deve morire? TUTTO AL RILENTO e mi chiedo se ,prima che lacqua diventasse torbida per solventi cibi e quantaltro,non era meglio subito cominciare da dove invece hanno finito e hanno ASPETTATO IL MALTEMPO? Tutto, è uno schifo!!

    Report

    Rispondi

  • raucher

    31 Gennaio 2012 - 18:06

    in tutti questi giorni nessuno abbia pensato di vuotare la nave dalle sdraio, sedie, ombrelloni e suppellettili varie che cadono in acqua come si vede nei filmati. Tutto questo ciarpame va ad inquinare il fondo marino.La ricerca delle persone è prioritaria, così come lo svuotamento dei serbatoi, ma con tutti gli andirivieni che hanno fatto e continuano a fare , non sarebbe stato opportuno ottimizzare i tempi raccogliendo gli oggetti cosa che comunque sarà da fare affinchè il Giglio non diventi una discarica? Possibile che volontari non abbiano pensato ad un'operazione di ripulitura da subito?

    Report

    Rispondi

blog