Cerca

12 ore al giorno sottozero Protestano: licenziati

Diciannove lavoratori avevano denunciato l'azienda per irregolarità nella busta paga. I dipendenti: "Condizioni di lavoro terribili"

12 ore al giorno sottozero Protestano: licenziati

Condizioni di lavoro estenuanti al limite dello schiavismo. Alcuni dipendenti di un'azienda, stanchi dei turni di lavoro di 12 ore nelle gelide celle frigorigere hanno deciso di lamentarsi e per questo motivo sono stati lincenziati. La sconcertante vicenda è avvenuta a Mantova, dove 19 lavoratori  di una ditta che commercia cibi surgelati avevano denunciato delle irregolarità nella busta paga. Nell'esposto presentato all'Ispettorato del lavoro si legge che "l'azienda costringe i lavoratori sotto la minaccia del licenziamento a velocizzare il lavoro in spregio a ogni norma sulla sicurezza e impone ai propri soci lavoratori turni di 12 ore giornaliere con temperatura di 25 gradi sottozero e con dispositivi di protezione logorati o deteriorati".

Licenziati - I dipendenti, dopo l'esposto, si erano rivolti anche alla Guardia di Finanza per denunciare che solo una parte del loro compenso (circa 900 euro mensili per 130 ore di lavoro) compariva regolarmente nella busta paga, il resto era pagato in nero in sfregio alle regole vigenti e alla stretta fiscale attuata dal governo. Dopo tutte queste denunce l'azienda ha dato il ben servito ai 19 dipendenti, rifiutandosi finora di intavolare qualunque trattativa.

Attacco a Monti -  In questa vicenda arriva anche un duro attacco da parte della Cisl di Mantova al premier Monti.  "La storia di queste persone - sottolinea Aldo Menini, segretario della Cisl di Mantova - la dice lunga su quanto oggi sia schizofrenico il mondo del lavoro. Va bene la flessibilità, ma questo episodio dimostra che siamo in certo frangenti di fronte a forme di liberismo selvaggio. L'introduzione di qualche norma in più non guasterebbe affatto".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • alfi1983

    03 Febbraio 2012 - 18:06

    non c'e' bisogno di scomodare il governo per un fatto del genere. qualsiasi giudice e' in grado di valutare il comportamento criminoso di questo datore di lavoro, di disporre per lui la cella frigorifera a meno 25 gradi, chiuderla e buttare via la chiave. da imprenditore dico che non succedera' nulla di male se l'Italia perde un imprenditore del genere !!

    Report

    Rispondi

  • bepper

    03 Febbraio 2012 - 16:04

    Questa è la realtà del lavoro, altro che art.18 e monotonia del posto fisso. Più che dagli imprenditori, l'abolizione dell'art. 18 è richiesta da accademici ed economisti che non hanno mai varcato la soglia di una fabbrica!

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    03 Febbraio 2012 - 16:04

    Il Italia ci vuole il Fascismo o il Comunismo...Meglio esseri schiavi dello Stato che comunque ti da casa,scuole,lavoro,sanita' sussidi gratis che essere schiavi di aziende che appena scoreggi,ti accoppano !

    Report

    Rispondi

  • simonetta.piangerelli

    03 Febbraio 2012 - 15:03

    Ecco perchè si chiede l'abolizione dell 'articolo 18:per tornare ai tempi del potere in mano a pochi ricchi.Non siamo un popolo dell'est Europa ed anche loro,fra un pò si sveglieranno.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog