Cerca

Aveva denunciato l'anoressia La Scala fa fuori l'etoile

La ballerina Mary Garret aveva scritto in un libro dei disturbi alimentari che soffrono le danzatrici del teatro. Ora si trova senza lavoro

Aveva denunciato l'anoressia La Scala fa fuori l'etoile

L'aver denunciato che una ballerina della Scala su cinque  soffre di anoressia le è costato il posto di lavoro. Lei, Mary Garret (al secolo Maria Francesca Garritano), che oggi ha 33 anni, ma è arrivata nel prestigioso teatro milanese quando ne aveva appena 16, lo aveva scritto nero su bianco in un libro (La verità, vi prego, sulla danza) poi lo aveva confermato in un intervista al quotidiano Observer. Spesso le ballerine, sostiene l'etoile, si ritrovano a fare a gara anche sul quantitativo di cibo ingerito: vince chi mangia meno. Una "gara" che porterebbe a gravi conseguenze: "Sette ballerine su dieci non hanno più le mestruazioni per via delle diete punitive alle quali si sottopongono". Non solo. Molte delle sue colleghe oggi non riescono ad avere figli per via dei disturbi che le affliggono.
La conseguenza di queste rivelazioni choc, come rivela Repubblica, è che stata licenziata dalla Scala per diffamazione e per aver descritto una situazione non corrispondente al vero, con grave pregiudizio della reputazione.
All'uscita del libro il teatro scelse la strada del silenzio facendo sapere di non aver alcun commento da fare. "La possibilità di essere licenziata - aveva spiegato all'Observer Mary Garret - mi è passata per la testa, ma amo La Scala, ci tengo ad essa ed è per questo che spero che le cose possano cambiare".  Purtroppo non è stato così e ora si ritrova senza lavoro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fubestet

    03 Febbraio 2012 - 20:08

    Mi chiedo se avrebbe mai preso questa posizione di legittima denuncia se avesse ottenuto più successo e l'ambita nomina a "prima ballerina etoile" qualche anno fa. Sono state reintegrate sul posto di lavoro cassiere di supermercati sorprese a rubare, scommetto che anche la ballerina "chiacchierona" riavrà il suo posto e la sua pensione a poco più di 40 anni. Chissà magari chiederà pure i danni alla Scala per averla indotta a comportamenti dannosi per il suo corpo con la promessa di un'improbabile fama. Forse otterrà anche una certa visibilità mediatica per promuovere il suo prossimo libro. Comunque ha descritto cose molto vere che gettano una luce inquietante su questo mondo di Fracci mancate disposte a tutto per la fama. Una certa ipocrisia ci impedisce di rilevare il parallelo con altri aspiranti artisti nel vasto mondo dello spettacolo, come se la danza classica fosse davvero qualcosa di più elevato di uno spettacolo di varietà.

    Report

    Rispondi

blog