Cerca

Schettino resta ai domiciliari Spuntano foto con la moldava

Respinti i ricorsi, soddisfazione del legale del comandante del Concordia. Lo scoop di Chi. Meta di Sorrento: "Solidarietà"

Schettino resta ai domiciliari Spuntano foto con la moldava

Il tribunale del Riesame ha confermato gli arresti domiciliari per l'ex comandante della nave Costa Concordia, Francesco Schettino, respingendo quindi tutti e due i ricorsi: quello presentato dai pm e quello della difesa. "Siamo soddisfatti, ora attendiamo il deposito delle motivazioni, entro il 9 febbraio, poi valuteremo cosa fare". Così l'avvocato Alessandro Antichi, difenore dell'ex comandante del Concordia. "Siamo soddisfatti - ha ribadito Antichi - del funzionamento del sistema giudiziario italiano che si conferma indipendente nelle valutazioni". Nel frattempo, è pronta ad esplodere una nuova grana per il comandante: domani il settimanale Chi le foto esclusive della moldava Domnica Cemortan a cena con lui a bordo del Concordia.

"Solidarietà e sostegno morale" - Nel giorno in cui vengono confermati i domiciliari a 'capitan codardo', arrivano intanto solidarietà e "sostegno marale al comandante e all'uomo Francesco Schettino", poiché va compresa "la portata del dramma umano". Questi alcuni stralci della mozione presentata al Consiglio comunale di meta di Sorrento, la cittadina dov'è nato e cresciuto il capitano della Concordia, amaro protagonista del naufragio all'Isola del Giglio lo scorso 13 gennaio. Le decine di morti e dispersi, i danni ambientali al mar e i danni d'immagine poco contano per i cinque consiglieri d'opposizione che hanno presentato la mozione, non discussa perché, come riferisce il Fatto Quotidiano, la maggioranza ha fatto mancara il numero legale. Nessuna sorpresa, perché fin dal giorno successivo la tragedia il comune sorrentino si è stretto intorno al suo concittadino, diventato contemporaneamente oggetto di scherno e di accuse in tutto il mondo. L'assessore al Bilancio Giuseppe Tito definì Schettino “un eroe”. Proprio alla "la campagna mediatica fortemente diffamatoria" fanno riferimento i firmatari della mozione, "offensiva per l’intera marineria locale". Di fatto, "una sentenza di condanna prima ancora che la giustizia faccia il suo corso ed individui tutte le responsabilità e tutti i soggetti cui esse responsabilità vanno ricondotte”. Secondo la mozione la stampa “nel diffondere un quadro distorto della realtà locale, crea motivi di disordine pubblico e di danno di immagine alla nostra città”.

 




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    08 Febbraio 2012 - 15:03

    di chi non vuol sentire...e se non si recepisce quello che effettivamente si vuol dire..si lascia perdere e...ci se ne frega pure!!!

    Report

    Rispondi

  • roda41

    08 Febbraio 2012 - 15:03

    di chi non vuol sentire...e se non si recepisce quello che effettivamente si vuol dire..si lascia perdere e...ci se ne frega pure!!!

    Report

    Rispondi

  • roda41

    08 Febbraio 2012 - 15:03

    di chi non vuol sentire e allora,se non si capisce il filo di un discorso.....meglio lasciar perdere e ci si frega pure...

    Report

    Rispondi

  • genviello

    08 Febbraio 2012 - 11:11

    Anche se la nave della Costa fosse stata affondata da un siluro lanciato da un sommergibile sconosciuto, quindi senza alcunissima colpa del comandante Schettino, Questo resterebbe in eterno l'emblea della vigliaccheria marinaresca, per essere venuto meno ad uno dei suoi doveri piu' elementari (quello di abbandonare per ultimo la nave che affondava, dopo aver coordinato i soccorsi). La vergogna di aver persino cambiato l'abito, togliendosi l'uniforme, per meglio nascondersi e' indelebile e su questo, piuttosto, farebbe bene a riflettere il Consiglio Comunale di Meta di Sorrento: altro che eroe (di cartone).

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog