Cerca

Monti: Arriva la nuova bufera Non facciamoci sorprendere

Il premier incontra il capo protezione civile: "Nuova ondata di maltempo, serve un'azione più incisiva e coordinata"

Monti: Arriva la nuova bufera Non facciamoci sorprendere

Pronti a fronteggiare la nuova perturbazione in arrivo per il fine settimana, con un impegno "più incisivo" da parte di tutte le strutture di governo centrali e locali sotto il coordinamento della Protezione civile. E’ questa la linea illustrata al Consiglio dei ministri dal presidente del Consiglio Mario Monti, dopo l’incontro con il capo della Protezione civile, Franco Gabrielli. Il premier non ci sta, e vuole evitare un altra figuraccia per il Paese che si prepara ad affrontare il secondo round dell'ondata di gelo che si è abbattuta sulla penisola con conseguenze catastrofiche, soprattutto per Roma.

Il comunicato - "Sulla base dell’ampia relazione fornitagli dal capo del Dipartimento della Protezione civile - riferisce il comunicato di Palazzo Chigi - il presidente ha informato il Consiglio dei ministri sulle misure emergenziali adottate e su quelle ancora da intraprendere, così come sulle azioni di carattere preventivo necessarie per fronteggiare la nuova perturbazione attesa per la fine di questa settimana, sensibilizzando tutti i ministri competenti ad assicurare l’impegno più incisivo da parte di tutte le strutture del governo del territorio e delle imprese di gestione dei pubblici servizi, al fine di tutelare la pubblica e privata incolumità, nel quadro del coordinamento esercitato dal Dipartimento della Protezione civile".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nlevis

    07 Febbraio 2012 - 20:08

    oggi piangono lacrime di coccodrillo. E poi basta, Roma non è stata così flagellata dal maltempo, neppure Napoli o Palermo. Facciano una legge che obblighi a metter le gomme termiche da dicembre a febbraio anche nelle città del Sud, gli automobilisti si attrezzino e facciano tesoro dell'esperienza. Molti paesini del centro-sud sono in ginocchio, magari con due metri neve, e gli anziani danno un grande esempio di calma e capacità di reagire senza tanti piagnistei, compresi quelli del sindaco Alemanno che sembra arrivi da Marte. Non era forse lui che doveva dare ordine di buttare tonnellate di sale prima che nevicasse? In fondo tutta l'Italia sapeva che ci sarebbe stata un'ondata di maltempo. E' il solito scaricabarile con tanto di prefiche.

    Report

    Rispondi

  • blues188

    07 Febbraio 2012 - 20:08

    Prosegua nella sua linea e metta una tassa per chi non tocca i mile euro, così imparano ad essere poveri

    Report

    Rispondi

blog