Cerca

Italia, il regno della delazione: su del 30% le spiate al fisco

L'effetto Befera nei dati delle Fiamme Gialle di Roma. E per il 2012 secondo le previsioni si toccheranno nuovi record

Italia, il regno della delazione: su del 30% le spiate al fisco

Da popolo di santi e navigatori, a spioni incalliti. Secondo i dati diffusi dai comandi della Guardia di Finanza di Roma e Milano, il numero delle segnalazioni di evasori nel 2011 è aumentato di quasi il 30 per cento rispetto all’anno precedente. E per il 2012 sono previsti picchi al rialzo. Il fenomeno sarebbe conseguenza del clamore mediatico creato attorno alla figura dell’evasore-parassita, che dopo i blitz di Cortina, Roma e Milano, ha modificato la percezione degli italiani del problema: se il commerciante non emette lo scontrino non è più una questione personale, ma dell’intera comunità. Il virus della nuova coscienza ormai è in circolo e la conferma arriva dai centralini della Guardia di Finanza.

Nel 2011 le segnalazioni al 117 di Roma sono state 8.500, mentre nel solo mese di gennaio appena passato, se ne registrano 900. L’aumento su base annua è di circa il 27 per cento. Stessa storia per Milano, dove le denunce sono aumentate di 3.157 da un anno all’altro. Se nel 2010 erano state 6.570, nel 2011 si è saliti a quota 9.727. Significativo il confronto tra i dati registrati nel gennaio 2012 e quello precedente, con 821 telefonate nel 2011 e ben 1.157 nel primo mese di quest’anno. La percentuale d’incremento stavolta è del 29 per cento. È interessante notare che la stragrande maggioranza delle segnalazioni non sono anonime. Significa che dietro le telefonate c’è l’intenzione di lasciare il segno, a rischio di metterci la faccia.

La diversa consapevolezza collettiva e la determinazione per incastrare l’evasore sono sintetizzate dalla storia di una studentessa maltese raccontata dagli agenti romani. Dopo essersi laureata, la ragazza ha inviato al comando una busta contente il resoconto degli affitti pagati in nero a un italiano per anni. Non solo, a sostegno della propria parola, ha allegato il mazzo di chiavi utilizzato negli anni di permanenza nell’appartamento. Più chiara di così.

di Salvatore Garzillo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • argo92

    30 Aprile 2014 - 14:02

    volete i sinistronzi al governo? questo e il risultato della loro filosofia falsi vigliacchi e spioni il meglio di una persona evviva il komunismo

    Report

    Rispondi

  • alfi1983

    11 Febbraio 2012 - 12:12

    e bravi gli italiani campioni di vigliaccheria. ma non c'e nessuno che controlla i controllori ? gia' si era vista la furbizia di Tremonti circa l'affitto dell'appartamento pagato in nero e per contanti dal suo stretto collaboratore.... avrei il piacere di vedere controllati Befera e i dipendenti delle finanze, come pure qualche milione di italiani impiegati nel pubblico con il doppio lavoro autodenunciarsi per evasione. (perche questa e' anche la triste realta' : milioni di italiani con il doppio-triplo lavoro !!) ai delatori che firmano la denuncia per evasione fiscale, si assicuri opportuni controlli ! lo stato fa ridere : con la possibilita' di accertamento dei patrimoni immobiliari, finanziari, PRAutomobilistico, Nautico, INPS, ecc - sarebbe facile tradurre debite valutazioni fiscali senza dover ricorrere alle delazioni dei Giuda di turno

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    11 Febbraio 2012 - 12:12

    chi te lo impedisce? Fallo!!! occhio, però, perché la denuncia devi firmarla; e se poi risulta infondata, rischi una bella querela con pagamento di danni. Su, avanti!

    Report

    Rispondi

  • criticone

    10 Febbraio 2012 - 17:05

    non ci sarebbe nessuna evasione se si potessero scaricare le spese effettuate.non ci sarebbe bisogno di spioni.nel mio comune cerro veronese se si muovessero con un po di raziocinio metterebbero in ordine i conti comunali.quì costruiscono con il beneplacido dei responsabili comunali,non rispettando le distanze dai confini.le caste esistono anche in questo comune.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog