Cerca

Jucker, uccise la fidanzata: vuole affido ai servizi sociali

L'uomo ha chiesto la pena alternativa al carcere: nel 2002 massacrò la sua ragazza, mancano solo 3 anni a fine pena

Jucker, uccise la fidanzata: vuole affido ai servizi sociali

Ruggero Jucker, condannato in primo grado a 30 anni divenuti 16 in appello che il 20 luglio del 2002 massacrò a Milano con un lungo coltello da sushi la fidanzata Alenja Bortolotto, di appena 26 anni, ha chiesto l'affidamento in prova ai servizi sociali. L'udienza si è tenuta al Tribunale di Sorveglianza il 7 febbraio scorso e nei prossimi giorni arriverà l'ordinanza con la decisione. Jucker chiede di poter uscire dal carcere e scontare in libertà, affidato ai servizi sociali, la pena residua. Jucker uccise Alenja Bortolotto, studentessa universitaria, poco meno di 10 anni fa. La notte tra il 19 e 20 luglio la colpi' con 22 coltellate all'interno del bagno del suo appartamento nel pieno centro di Milano, senza che la giovane avesse via di fuga. Poi corse in strada gridando frasi sconnesse. Alenja fu colpita 22 volte con un lungo coltello da sushi e poi fu sventrata. Per lui la pubblica accusa in primo grado chiese ed ottenne 30 anni di carcere in abbreviato. Poi l'appello nel 2005, quando la Corte d'Assise d'Appello accoglie il patteggiamento a 16 anni di carcere. Anni a cui si è poi applicato, tra l'altro, l'indulto. Ora, mancando meno di tre anni a fine pena, la difesa dell'ex imprenditore ha chiesto l'affidamento in prova ai servizi sociali.

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sparviero

    11 Febbraio 2012 - 14:02

    Un feroce assassino prende 30 anni ridotti a 16 , indulti vari , 3 anni di condono e affidamento in prova ai servizi sociali. Si chiama giustizia italiana, si legge follia. Se fossi il padre della ragazza mi farei giustizia da solo.

    Report

    Rispondi

  • lucy

    11 Febbraio 2012 - 13:01

    che uscirà ... grazie alla nostra "giustizia"!

    Report

    Rispondi

blog