Cerca

Un vigile uccide un delinquente Ora non chiamatelo assassino

Milano, due immigrati fuggono e puntano pistola. Agente spara: muore sudamericano 29enne. Il pm lo accusa di eccesso di legittima difesa

Un vigile uccide un delinquente Ora non chiamatelo assassino

Un immigrato cileno di 29 anni è stato ucciso lunedì pomeriggio a Milano dopo una sparatoria che ha coinvolto dei vigili urbani. Secondo la prima ricostruzione, due ragazzi stranieri sarebbero fuggiti in macchina inseguiti da un'auto dei vigili urbani che era intervenuta per sedare una rissa in via Crescenzago, nella zona Porta Lambro del capoluogo lombardo. I due, sudamericani, quando sono arrivati gli agenti hanno provato una fuga in contromano. Gli agenti hanno raggiunto i due uomini in via Orbetello, una traversa di Via Palmanova, in zona Crescenzago. Lì i due giovani hanno abbandonato l'auto cercando di dileguarsi nel parco. Uno dei due cileni ha estratto una pistola per puntarla contro gli agenti. Uno degli agenti ha così esploso alcuni colpi di arma da fuoco che hanno colpito a morte il 29enne, mentre il compagno armato è riuscito a fuggire. Al Parco Lambro sono intervenute alcune volanti della polizia e i soccorritori del 118 che per un'ora hanno tentato inutilmente di rianimare l'uomo, che è deceduto dopo il trasporto in codice rosso al San Raffaele. Inizialmente gli agenti arrivati sul posto avevano interrogato quattro nordafricani completamente estranei ai fatti.  L'agente, sentito dal pubblico ministero Roberto Pellicano, è accusato di omicidio per eccesso colposo di legittima difesa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ivonno

    15 Febbraio 2012 - 17:05

    è inconcepibile che venga processato,....comunque se gli capitasse un giudice che abita in zona di via Padova,come minimo gli da la medaglia al valore.

    Report

    Rispondi

  • GMTubini

    14 Febbraio 2012 - 18:06

    Se la vittima era disarmata e, secondo la versione dei vigili, è stata colpita per errore, che fosse di spalle o di fronte, a mio parere cambia ben poco. Comunque non si capisce perché certa gente coltivi la strana abitudine di non fermarsi all'"alt" delle forze dell'ordine... Che sia un'incomprensione dovuta alla lingua?!

    Report

    Rispondi

  • bruno osti

    14 Febbraio 2012 - 16:04

    nemmeno il tassista ammazzato a botte da un altro milanesissimo delinquente, tra l'altro protetto dall'omertà del quartiere (di milanesi). Nel merito, 1° sembra che il vigile abbia ammazzato uno disarmato e la pistola l'aveva l'altro; 2° essendoci due fori (per un unico colpo), uno davanti ed uno alle spalle, se risulterà quest'ultimo come foro di entrata saranno c...i amari per il vigile.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    14 Febbraio 2012 - 14:02

    e questi sono i risultati. E guai a difendersi, si passa dalla parte del torto. Maledetta immigrazione, questi stanno devastando il Paese... alcuni nella legalità (ingressi facili, ricongiungimenti, esenzioni fiscali, scrocco di case popolari e stato sociale vario, inflazionamento di molti mestieri, sporcizia e malattie importate...) , altri, i peggiori, nella più totale illegalità: furti,spaccio,prostituzione,scippi,rapine. Il tutto condito da violenza efferata. Questa balla della multirazzialità, della mescolanza etnica, del mito del buon immigrato pezzente che cerca fortuna, delle frontiere aperte a tutti i costi ci ha devastati, attirando eserciti di morti di fame delle peggiori etnìe, gente senza nulla da perdere in casa nostra. Gentaccia di cui molto difficilmente ci libereremo. E instanto si continua a sottovalutare il cancro immigrazionista.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog