Cerca

Attentato al Papa, perché Travaglio ci tiene tanto?

Il vicedirettore del Fatto se la prende con tutti i giornalisti che criticano o mettono solo in discussione la notizia del possibile agguato al Pontefice

Attentato al Papa, perché Travaglio ci tiene tanto?

Marco Travaglio non si arrende. La notizia, pubblicata dal Fatto Quotidiano, su un possibile attentato al Papa ha suscitato (com'era prevedibile) moltissime reazioni. E anche molte critiche. Critiche e osservazioni che Travaglio non ammette: nel suo editoriale di oggi, lunedì 13 febbraio, Marco passa in rassegna quelli che Dagospia chiama "rosiconi delo scoop". Insomma, zittisce chi mette in discussione la notizia rivelata dal suo quotidiano. Scrive di Avvenire, il giornale dei vescovi  che ha titolato sul maltempo. "Per trovare la notizia del giorno bisogna munirsi di Tom-Tom e arrampicarsi fino a pag. 19: "Complotto anti-Ratzinger? Padre Lombardi: farneticazioni".  Travaglio bacchetta anche Massimo Franco del Corriere, Marco Ansaldo di Repubblica snobbano o sottovalutano  la notiza addirittura il secondo  è "affranto" E a Vittorio Zucconi di Repubblica che parla di "Dan Brown all'amtriciana", chiede: "Che avrebbe fatto il nostro maestro di giornalismo se si fosse eccezionalmente imbattuto in una notizia: un appunto consegnato al Papa da un cardinale, in cui si accusa un altro cardinale di spifferare in giro complotti contro il Papa e la prossima morte del Papa. Se lo sarebbe mangiato a colazione? E cos via con Mario Sechi, Antonio Polito... Insomma, Travaglio si ribella a chiunque metta in discussione quella velina sull'attentato al Papa.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • spalella

    14 Febbraio 2012 - 19:07

    Forse è un sogno inconscio quello di travaglio....

    Report

    Rispondi

  • lulumicianera

    14 Febbraio 2012 - 15:03

    una macchietta da avanspettacolo

    Report

    Rispondi

  • dbell56

    14 Febbraio 2012 - 13:01

    Travaglio è proprio un poveraccio che ha bisogno di visibilità ad ogni costo. E' drogato di notorietà e, come un drogato che va in crisi d'astinenza, se non spara cazzate come se fosse la festa di Piedigrotta in versione lusso, rischia di morire soffocato dallo stesso letame che tende a vomitare giornalmente in quantità industriale. Va capito ed aiutato, il tapino. Andrebbe rinchiuso in qualche casa di cura per malattie mentali, prima che commetta qualche sciocchezza che ci faccia dire a tutti: l'avevo detto io che il folle avrebbe oltrepassato ogni limite!!!

    Report

    Rispondi

  • Franco Giunta

    14 Febbraio 2012 - 10:10

    Passato l'interesse per il Cav che ha fatto il fatidico passo indietro, ora Travaglio è alla ricerca di nuovi Cavalli di Battaglia e ha trovato nientemeno che il Papa, e, visto il clamore, sembra che funzioni. Bell'esempio di giornalismo ....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog