Cerca

L'ultima su Papa Ratzinger: "Stanco, pensa a dimettersi"

Il vescovo di Ivrea su Benedetto XVI: "Con le notizie sulla stampa stanno preparando allo choc del suo addio"

L'ultima su Papa Ratzinger: "Stanco, pensa a dimettersi"

L'ultima, in ordine di tempo, è che Papa Benedetto XVI sarebbe stanco e starebbe pensando di ritirarsi entro un anno. A rivelarlo, nel corso del programma "Un giorno da pecora" su Radio 2, è il vescovo emerito di Ivrea, monsignor Luigi Bettazzi. Il quale dice di non credere all'ipotesi di un attentato contro Ratzinger, rivelata qualche giorno fa da "Il fatto quotidiano" e seccamente smentita come "farneticazione" dal Vaticano. Sulle pagine di Libero, Antonio Socci avava poi sostenuto che il Papa sarebbe malato e quindi vicino alla fine del suo impegno pubblico. Un'ipotesi che non si allontana di molto da quella sostenuta da monsignor bettazzi: il quale, pur non parlando di malattia, dice che "Benedetto XVI è molto stanco basta vederlo, è un uno abituato agli studi, non a un ruolo pubblico. E di fronte ai problemi che ci sono, forse anche di fronte alle tensioni che ci sono all'interno della Curia, potrebbe pensare che di queste cose se ne occuperà il nuovo Papa". Bettazzi ha anche una sua teoria sulle notizie di stampa apparse in questi giorni sul futuro di Ratzinger: "Penso - dice il prelato - sia un sistema  per preparare l'eventualità delle dimissioni. Per preparare a questo choc, perché le dimissioni di un Papa sarebbero uno choc, cominciano a buttare lì la cosa del complotto".

 

 

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • davideop

    15 Febbraio 2012 - 22:10

    Dinnanzi a quanto afferamato da Mons. Bettazzi sulla dimissione del Papa, pressato dalla stanchezza fisisca, dallo stress politico e da una sua incapacità governativa in quanto più incline ad attività intellettuali, viene da porsi una semplice domanda: "Che Bettazzi, oltre al solito applauso riscaldato, voglia anche la tiara? "Ma, ahimé, arriva tardi... La tiara è andata in pensione anche lei con Paolo VI e definitvamente anche dallo stemma pontificio con Benedetto XVI. E lui, il monsignore battagliero, a quando il ritiro defintivo dalla scena, per dedicarsi a qualcosa di più serio?

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    14 Febbraio 2012 - 20:08

    L'uomo è l'espressione della stessa natura. Quando un albero si piega su se stesso perchè affetto da malattie o dagli anni che lo hanno consumato,egli si abbatte lasciando il suo spazio a altri alberi. Anche il Pontefice è un uomo come tutti noi partotrito da danno con l'apporto dell'uomo e pertanto è anch'egli sottoposto a tutti gli eventi della natura stessa e pertanto, se fisicamente e psicologicamente non se la sentisse più di sopportare un peso di inaudita fatica, ci dovremmo domandare tutti: perchè a costui si nega il diritto della pietà Cristiana e della stessa natura ? - Cercare di andare oltre è contro natura e la testimonianza è la morte di Gesù sulla Croce quando invocò il Padre affinchè gli fosse data pieta e misericordia per le sofferenze che stava subendo. Gesù, fù un vero uiomo e un vero figlio di Dio. conosceva i suoi limiti.Nacqque come uomo semplice e morì come uomo semplice. Poi risorse.

    Report

    Rispondi

  • spalella

    14 Febbraio 2012 - 19:07

    idem come sopra

    Report

    Rispondi

  • fabiotorino

    14 Febbraio 2012 - 17:05

    della Chiesa che ha cavalcato il Concilio ed il 68 a modo suo e forse non riesce a digerire per molti anni un Papa mite e religioso come lo definisce lui, ma anche molto duro e molto fedele ai dogmi della Chiesa Cattolica purtroppo per Lui , Bettazzi non e' diventato Papa......

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog