Cerca

Vigile uccide un delinquente Pm lo indaga per omicidio

Milano, 2 immigrati fuggono e puntano la pistola. Agente spara, muore cileno. Il testimone: "Delinquenti disarmati"

Vigile uccide un delinquente Pm lo indaga per omicidio
E' indagato per omicidio volontario Alessandro Amigoni, il vigile 36enne che lunedì pomeriggio ha ucciso nel corso di un inseguimento a Crescenzago un ragazzo cileno di 29 anni, Marcelo Valentino Gomez Cortes. E' quanto ha fatto trapelare la Procura di Milano che si sta occupando delle indagini. L’accusa in un primo momento era quella di "eccesso colposo di legittima difesa"; al termine dell’interrogatorio del vigile durato fino a tarda notte è l'accusa è stata trasformata in omicidio volontario. Secondo le indiscrezioni uscite dalla procura a pesare sul cambio di accusa, più pesnate, sarebbero state anche le testimonianze dei colleghi di Amigoni.


La ricostruzione - Secondo le prime ricostruzioni la dinamica potrebbe essere differente rispetto a quella emersa in un primo momento: il vigile avrebbe colpito il fuggitivo senza una "reale minaccia". Nei confronti dell'agente non sono ancora state emesse misure cautelari. Per far luce sulla dinamica dell'omicidio si attendono i riscontri tecnici sui fori di entrate e di uscita dal corpo della vittima: gli investigatori attendono i risultati dell'autospia, che potrebbe essere eseguita già mercoledì. Trapelano nel frattempo le prime testimonianze del medico legale intervenuto al parco Lambro, e non si esclude che la vittima possa essere stata colpita alle spalle.

Le incongruenze - Il cambio di imputazione nei confronti di Amigoni ha fatto anche mutare la ricostruzione della sparatoria. Lunedì il comandante della polizia locale, Tullio Mastrangelo, aveva indicato che l'agente aveva sparato soltanto dopo che uno dei fuggitivi, che è ancora ricoverato, aveva estratto una pistola e "l'aveva putnata verso l'agente". A quel punto, secondo il capo dei vigili, l'agente avrebbe sparato ma non in direzione della vittima, bensì verso il complice armato. Erano però da subito emerse alcune incongruenze nel racconto di Amigoni e dei colleghi: la traiettoria del proiettile confermerebbe i dubbi degli investigatori poiché il colpo è stato sparato da una distanza "relativamente breve" e ad altezza uomo. Gli agenti della Mobile intervenuti dopo l'omicidio, inoltre, non hanno rinvenuto sul luogo segni della presenza di altre armi sul luogo del delitto anche se non viene escluso che il complice possa efettivamente avert imbracciato una rivoltella.

La testimonianza - A Tgcom24, inoltre , un testimone oculare della sparatoria ha raccontato che gli immigrati non erano armati. "Ero lì a Parco Lambro che passeggiavo, come faccio spesso", ha riferito il testimone. "A un certo punto ho visto due ragazzi che correvano via inseguiti da un’auto dei vigili che andava contromano. Poi si sono fermati e hanno iniziato a correre a piedi, non avevano nè pistole nè niente e urlavano 'Non sparate non sparate!'. Dopo un pò ho sentito degli spari. Sono sicuro che i due ragazzi non fossero armati. Dopo gli spari ho visto uno dei due a terra insanguinato, l’altro invece è scappato. Dei due vigili, uno correva dietro ai ragazzi, l’altro invece è rimasto fermo accanto all’auto. Lo ha ammazzato - conclude l’uomo - gli ha buttato due colpi addosso". Al momento, gli inquirenti mantengono il massimo riserbo per una situazione considerata "delicata e da approfondire". 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Giuseppe da Milano

    15 Febbraio 2012 - 10:10

    Dal mio punto di vista indagherei il Vigile perchè NON HA FATTO FUORI anche l'altro. E' ora di finirla con questa gentaglia che viene in ITALIA solo per delinquere, mandiamoli via tutti. E' ora di finirla con questi applicatori delle LEGGI che le interpretano a loro modo e convenienza. E? ora di finirla con l'indagare per eccesso di difesa chi cerca di difendersi, mentre se un delinquente uccide, tutto finisce li anzi quasi viene premiato.

    Report

    Rispondi

  • gosel

    15 Febbraio 2012 - 10:10

    Tutto come da copione, il poliziotto che ammazza il delinquente e viene incolpato di omicidio. Possibile che le forze dell'ordine non l'abbiano ancora capito? loro possono solamente farsi ammazzare e non devono reagire per nessun motivo! È molto semplice no!?

    Report

    Rispondi

  • uliclin

    15 Febbraio 2012 - 08:08

    ma se il vigile ha sparato a gente disarmata e alle spalle, è giusto che paghi.

    Report

    Rispondi

  • emilioq

    15 Febbraio 2012 - 07:07

    Lo proporrei per una medaglia al valore!!!!!! Il fango va tolto dalle strade con tutti i mezzi e le forze dell'ordine dovrebbero avere la licenza di uccidere!!!!! Quello che fa schifo fra le tante cose in questo paese di m....da è la cosiddetta giustizia; le forze dell'ordine dovrebbero ribellarsi e scioperare in massa a lasciare che la delinquenza faccia i suoi porci comodi! Cosa serve rischiare la vita per quattro soldi e poi finire in galera per aver fatto il proprio dovere? Vado a vomitare!!!!!!!!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog