Cerca

Omicidio di Gabbo Sandri: nove anni a Spaccarotella

Confermata la condanna a 9 anni e 4 mesi per l'ex agente. Il padre del ragazzo ucciso: "Giustizia è stata fatta"

Omicidio di Gabbo Sandri: nove anni a Spaccarotella

La prima sezione penale della Corte di Cassazione ha confermato la condanna a 9 anni e quattro mesi di reclusione per l’ex agente della Polizia Stradale di Arezzo, Luigi Spaccarotella, per l’omicidio del tifoso della Lazio e Dj Gabriele Sandri, ucciso con un colpo di pistola l’11 novembre del 2007 nell’area di servizio autostradale Badia al Pino. La Corte di Cassazione ha quindi rigettato il ricorso, così come richiesto dal sostituto pg Francesco Iacoviello, presentato dai legali di Spaccarotella contro la sentenza emessa dalla Corte d’assise d’Appello di Firenze che ha riconosciuto l’omicidio volontario con dolo eventuale.

Il padre di Gabriele - Alla lettura della sentenza Giorgio Sandri, padre di Gabriele, è scoppiato in lacrime. "Giustizia è fatta. E’ la vittoria del popolo di Gabriele" ha detto Sandri. "E' una sentenza di diritto ed è una vittoria di tutti  -hanno affermato Giorgio e il figlio Cristiano Sandri- Giustizia è fatta anche se non è stato facile". Il padre di Gabriele Sandri ricorda quando in primo grado l'agente che sparò a suo figlio venne condannato ad una pena più lieve per omicidio colposo. "Si trattò di una sentenza raccapricciante -afferma ancora- ma non abbiamo mai smesso di avere fiducia nella giustizia. E la giustizia infine ha trionfato". Commozione in aula anche da parte dei tanti tifosi della Lazio amici di Gabriele.

Spaccarotella verso il carcere - Luigi Spaccarotella tempo qualche ora, si costituirà all’autorità giudiziaria. "Affronterò la situazione da uomo", ha detto ad uno dei suoi legali, l’avvocato Federico Bagattini a pochi minuti dalla sentenza della Cassazione. Dal canto suo, il legale, racconta che l’agente della Polstrada sta vivendo queste ore "drammaticamente. Questione di ore - spiega - e le porte del carcere per  lui si apriranno". In ogni caso il difensore di Spaccarotella dice chiaramente che "tutte le decisioni devono essere rispettate.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • pablolife

    15 Febbraio 2012 - 13:01

    A leggere i post di questi Einstein che scrivono su Libero sorge spontanea una domanda, Se John Rambo Spaccarotella ha fatto esclusivamente il suo dovere a sparare da 30 mt ad uno seduto in auto gli altri poliziotti erano tutti degli incompetenti evidentemente, a questo punto cosa ne vogliamo fare di questi inutili sceriffi?

    Report

    Rispondi

  • oasis77

    15 Febbraio 2012 - 10:10

    Ed ora gli intitoleranno una bella stanza in parlamento dedicato al giovane ultras.... vedi giuliani... ma forse per primo lo farà vendola dedicandogli una via a bari...

    Report

    Rispondi

  • fabiotorino

    14 Febbraio 2012 - 20:08

    come la polizia, i carabianieri, i medici, tutti coloro che roischiano ogni giorno di sbagliare per assicurare l'ordine pubblico, la salute al maggior numero di persone possibili, quasi mai messi in condixione di operare seriamente causa la mancanza di soldi, a causa cioe' di "cittadini" che non pagano le giuste tasse i veri criminali sono coloro che delinquono, compresi coloro che evadono le tasse

    Report

    Rispondi

  • piccioncino

    14 Febbraio 2012 - 18:06

    Non mi pare proprio che le cose fossero serene e tranquille in quell'autogrill..Mi pare che fosse in atto un specie di incivile, violenta, squadristica..spedizione punitiva..Che poi.. tutte le colpe..siano,..alla fine dei salmi,..andate a ricadere su un agente di polizia (che..per ciò.. si è visto rovinare la vita..)..probabilmente reo di aver assai ecceduto ai propri doveri..(forse sarebbe stato assai meglio..se si voltava da un'altra parte..lasciando che l'intera violenza si consumasse..fino alle estreme conseguenze..)..mi pare un po' eccessivo..Da ciò scaturisce un facile insegnamento..Probabilmente ha fatto meglio..quell'agente di mia conoscenza..che..dopo aver chiesto dove era scappato il ladro violento e armato,..ha preferito..rallentare assai la rincorsa e l'inseguimento (dicendomi che ..nel migliore dei casi..se lo sarebbe ritrovato minaccioso davanti..dopo pochi giorni)..Ora vive tranquillo..nella propria famiglia..

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog