Cerca

Ecco la storia d'amore che ha vinto il San Valentino Day

Sono arrivati centinaia di racconti, abbiamo scelto questo scritto da Maria che andava in giro con un vocabolario di cinque chili

Ecco la storia d'amore che ha vinto il San Valentino Day

Sono arrivate centinaia di storie d'amore. Tutte bellissime ed emozionanti. Abbiamo scelto questa che particolarmente ci ha commosso.

Nel freddo inverno del 2006, negli ultimi giorni dell'anno, comincio un lungo viaggio. Ho con me solo una piccola valigia. Mi lascio alle spalle la mia città, il mio Paese, l'Ucraina. Destinazione: Italia. Avevo ottenuto un permesso di soggiorno, la famiglia con cui mia madre lavorava da anni, aveva bisogno di un altro aiuto.  Quel sabato mattina sono entrata in una bellissima casa. Mi presento al mio datore di lavoro e, un po' intimidita, inizio a stirare. Il "signore" senza perdere troppo tempo esce dalla stanza, fa una telefonata. Dopo quindici minuti d'orologio, vedo apparire un giovanotto che si presenta: "Piacere Luigi". Io conoscevo solo due parole: "Piacere Maria", gli dissi. Lui continuava a parlare ma io non capivo niente, forse neanche ascoltavo, il cuore mi batteva fortissimo, non riuscivo più a stirare. Alla fine, a gesti, mi invita ad uscire. Io senza accorgermene dico sì.
La prima sera esco con un vocabolario di cinque chili, un libro di grammatica e un quaderno. Mi basta poco per capire che ho incontrato una persona speciale. L'amore per lui mi ha spinto a imparare l'italiano il più in fretta possibile, volevo prima o poi far sparire quell'ingrombro di cinque chili. Più passavo il tempo con lui, più mi rendevo conto che nulla poteva dividerci: i pregiudizi della gente, la lingua diversa, la mia altezza (sono tredici centimentri più alta di lu) né l'età (ho tredici anni meno di lui). Quando ho imparato l'italiano lui mi ha rivelato che quel sabato mattina suo padre aveva chiamato lui per dirgli: "presto, presto, lascia tutto c'è la figlia di Svitlana è bellissima. Devi verderla...". Abbiamo vissuto momenti bui ma insieme abbiamo superato le paure, le maldicenze, ho imparato a non dare ascolto a tutte le cattiverie delle persone. Il mio amore era nascosto in un Paese così lontano, così diverso da quello in cui sono cresciuta. Un amore che cresce col tempo, il mio cuore batte come quel sabato mattina anzi, a dire il vero, batte il doppio perché dentro di me sta crescendo un bimbo. Proprio a San Valentino scopriremo il sesso. Ecco, amore mio, questo è il regalo che ti faccio: la nostra storia scritta da me che andavo in giro col vocabolario di cinque chili.


di Maria

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog