Cerca

Toghe all'assalto anche su Ruby

La Consulta boccia la Camera e dà il via libera al processo di Milano, che vede imputato il Cav per concussione e prostituzione minorile

Toghe all'assalto anche su Ruby
In realtà Berlusconi non aveva tante speranze. Protesta, certo, contro una «decisione sbagliata», ma con meno veemenza che in altre occasioni. C’è della rassegnazione nell’uomo di Arcore. Il conflitto di attribuzione tra procura di Milano e Camera dei deputati sulla competenza del caso Ruby (tribunale milanese o tribunale dei ministri?) è finito sul tavolo della Corte Costituzionale. Organo che ha «undici componenti su quindici di sinistra», perché «espressione del Pd» o perché «indicati da Napolitano» che, «senza offesa», ma viene da «quella area politica». Dunque, quale motivo per sperare che la Consulta desse ragione alla Camera (e quindi a Berlusconi)? Hanno vinto le toghe milanesi, il processo per concussione e prostituzione minorile rimane a loro. «Mi aspetta un plotone di esecuzione», sospira l’ex presidente del Consiglio. All’inferno, insieme a lui, Clemente Mastella: la Consulta ha infatti respinto il conflitto di attribuzione sollevato dal Senato nei confronti della procura di Santa Maria Capua Vetere e del tribunale di Napoli. «Non è una sorpresa. Pazienza...», la prende con più filosofia l’ex ministro della Giustizia, oggi europarlamentare eletto con il Pdl.

INDIGNAZIONE PDL

Si indigna invece il coordinatore del Pdl Sandro Bondi. Ne fa una questione di divisione dei poteri: «Ci troviamo in una democrazia dimezzata che di fatto dipende da un potere costituzionale sovraordinato rispetto alla democrazia liberale classica, che trae la propria legittimità dalla sovranità popolare». Detta brutale: è l’ordine giudiziario che mangia in testa alla politica. A pranzo e cena. Il tutto arriva in una giornata per niente facile nei rapporti di buon vicinato tra Pdl, sinistra e governo. Tanto che Monti sente al telefono Berlusconi per un chiarimento. Specie sul no dell’esecutivo alle olimpiadi a Roma, una decisione che amareggia Silvio («Io avrei detto sì») e fa infuriare il partito azzurro, soprattutto gli ex An. In Transatlantico gli alemanniani adombrano addirittura il complotto massonico contro l’Urbe, per spiegare la decisione del governo. Certo, non è questo il giorno migliore per il dialogo bipartisan. Messo a dura prova anche da dichiarazioni come quella di Marilena Samperi, capogruppo Pd in giunta per le autorizzazioni: «La Consulta dimostra che la Camera è stata usata per gli interessi di Berlusconi». E apriti cielo.

Oggi il gruppo parlamentare del Pdl si riunisce per discutere delle modifiche alla legge elettorale. Il rischio che diventi un’assemblea-sfogatoio è quasi certezza, dato il clima. La bozza Violante è “troppo” proporzionale per molti deputati azzurri, che chiedono sia preservato il bipolarismo. Magari  con il mantenimento di un premio di maggioranza che agevoli il formarsi di due poli. Non tre o quattro. Il cantiere è aperto, anche se i democratici chiedono tempi serrati: «Il testo entro Pasqua o non se ne fa niente», accelera Enrico Letta, parlando al convegno organizzato dall’associazione “Politica” presieduta da Michele Dau. Nel primo pomeriggio c’era stato un abboccamento un po’ carbonaro tra Violante (Pd), Quagliariello (Pdl), Bocchino (Fli), Adornato (Udc), Pisicchio (Api). C’è condivisione sulle riforme costituzionali. I punti sono quelli noti: riduzione del numero dei parlamentari, fine del bipolarismo perfetto, più poteri al premier. Sulle regole di voto la discussione è aperta, «ma le differenze di orientamento tra i partiti sono meno sostanziali di quello che appaiono», spiega uno dei partecipanti alla riunione.

FUGHE IN AVANTI
Il vertice tra   Partito democratico e terzo polo è ufficiale, invece, e si tiene alla Camera,  non in un posto segreto come l’altro. Al termine una nota congiunta informa che c’è accordo sulla «necessità di ridurre il numero dei parlamentari, già a partire dalla legislatura del 2013». E non solo: «È passata la linea del modello tedesco», annuncia Rocco Buttiglione, «ora pensiamo a un bipolarismo possibile, non imposto». Pd e terzo polo sono d’accordo. Per niente scontato, invece, l’ok del Pdl.

di Salvatore Dama

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    15 Febbraio 2012 - 23:11

    Sei stato sfortunato,ad avere il Ragnaud Sabourin a cui si è accesa la riserva,secondo me sarebbe stato l'ideale,naturalmente servito come si deve.Faccio il bravo,non ti voglio dire della mia cena.Peccato,avevi il pecorino e non le fave.Se avevi tre uova e un tartufo bianco di Alba ,ti avrei detto cosa fare.Sarebbe anche bastato che tu ordinassi una pizza bianca senza rosmarino e quando te la portavano a casa,ci mettevi sopra delle scaglie di pecorino di fossa,media stagionatura,così mi liberavi dalla prigione quel bel rosso che non aspetta altro. La giusta punizione per i tuoi commenti antiberlusconiani.

    Report

    Rispondi

  • blu521

    15 Febbraio 2012 - 19:07

    Era il metodo degli ateniesi. Senti il cacio è stata una mia scelta (dovuta in parte ad una tua segnalazione), buono, ma c'entrava come i cavoli a merenda. Per il whisky vedi: Linkwood: speyside distillery, vai poi su The ultimate e vedi il 1990, 18 anni,46 gr. Le informazioni che avevo preso mi suggerivano di lasciar stare le grappe, per cui avevo optato per un Ragnaud Sabourin special alliance 20, ma ne avevo in bottiglia due shot scarsi, quindi il whisky...Si può discutere di uno speyside (per me va bene in primavera e autunno), ma mi era stato regalato 2 giorni prima, e non ho resistito alla tentazione. Comunque ottimo. Adesso mi ritrovo 2 Roagna, del pecorino, del salame ed il n° di telefono del pizzaiolo. Che faccio, mi suicido? I ristoratori qua sotto non distinguono un aglianico da un barbera. Ti voglio bene e non ti auguro una serataccia del ca... come questa. Me la prenderò con qualche malcapitato! Buona serata, e non dirmi della tua cena o ti uccido. Ciao

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    15 Febbraio 2012 - 18:06

    Magari potrebbe andare bene un sorteggio.

    Report

    Rispondi

  • Tina Ferrari

    15 Febbraio 2012 - 15:03

    Vorrei, davvero vedere se i magistrati di Milano, avrebbero davvero il coraggio di mettere in galera il Berlusca. Io mi auguro che lo facciano, sarebbe la volta che il popolo si ribella e non tutto il male viene x nuocere. Coraggio Bocassini e ecc.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog