Cerca

Bimbo paralizzato cammina

davanti alla tomba di Wojtyla

Bimbo paralizzato cammina
Giovanni Paolo II moriva quattro anni fa. Ci si ricorda il vento, il giorno del funerale, che sfogliava la Bibbia. Oggi Benedetto XVI, affiancato dal cardinale di Cracovia, Stanislao Dziwiscz, segretario personale di Wojtyla per decenni, ha detto una Messa per lui.
A quattro anni da quella sera di aprile, la causa di beatificazione del papa polacco, avviata subito dopo la morte senza aspettare i 5 anni canonici, si avvia verso una sua conclusione in tempi relativamente brevi. I polacchi sperano di vedere il loro «eroe» agli onori degli altari per il quinto anniversario della scomparsa.


L'ultimo miracolo- E si moltiplicano le storie di miracoli fatti dal papa dopo la morte. L'ultimo risalirebbe appena a qualche giorno fa, proprio davanti alla sua tomba. Un ragazzino di nove anni paralizzato per colpa di un cancro al rene, si sarebbe alzato dalla carrozzina, uscendo da piazza San Pietro sulle sue gambe.
L'arcivescovo di Cracovia ed ex segretario di Wojtyla, cardinal Stanislaw Dziwisz, lo ha raccontato in tivù, in un'intervista a Sky Tg24:  "Io - ha detto il porporato - sono stato personalmente testimone di tante grazie, non li chiamo miracoli, fatte da Giovanni Paolo II. Soprattutto su malati di tumore. E c'è un episodio, accaduto in questi giorni, che mi è stato raccontato. Proprio nei giorni che precedono la celebrazione del Quarto anniversario dalla morte, un ragazzo polacco di 9 anni, di Danzica, malato di tumore, appena uscito dalla Basilica di San Pietro, ha detto ai genitori, stupiti: "Io voglio camminare". Si è alzato, e ha iniziato a camminare".

Il precedente a Cleveland- Il ragazzino non è solo. Un uomo di 26 anni di Cleveland, ferito gravemnte alla testa durante una rapina, è sopravvissuto dopo avere ricevuto un rosario benedetto da papa Giovanni Paolo II e il Vaticano sta indagando se la guarigione possa essere attribuita a un miracolo. La ferita inferta a Jory Aebly «era stata giudicata letale» dai medici del Metro Health Medical Center, ha riferito la rete tv Abc sul suo sito online, ma martedì l'uomo è stato dimesso dall'ospedale e in una conferenza stampa Robert Geertman, un neuroochirurgo che lo ha avuto in cura, ha definito la guarigione «una specie di miracolo». Era stato il cappellano dell'ospedale, Art Snedeker, a dare a Aebly il rosario benedetto da papa Wojtyla subito dopo il ricovero. «Il papa mi aveva fatto promettere di pregare per i pazienti del'ospedale e mi aveva dato una decina di rosari benedetti per i casi più speciali», ha detto padre Snedeker.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nicola.guastamacchiatin.it

    03 Aprile 2009 - 15:03

    Il giorno 27 agosto 2007,mi recai presso il Pronto Soccorso dell'Ospedale Grassi di Ostia per una trombosi all'occhio sinistro.Tale diagnosi fu refertata dai medici dell'Unità U.O. Oculistica iniziando una terapia d'intervento. Dall'occhio sinistro,non vedevo più nitidamente. Trovandomi in casa,solo,girando per lo studio,mi soffermai dinanzi a una Foto del Pontefice,dove lo ritrae con un sorriso dicendo alle genti di non avere paura. Ne fissai l'immagine e lo pregai di chiedere a Dio di farmi rivedere bene. Per diversi giorni,direi anche per qualche settimana,incominciai a vadere,quando chiudevo gli occhi,una infinità di stelle lucenti aventi colori inimmaginabili attraversate,nel contempo,da lampi di luci meravigliose. A dirla in breve,oggi da quall'occhio ed anche dal'altro, ci rivedo benissimo. Continuo a recarmi all'Ospedale Dvisione Oculistica,dove,il Medico Curante,Dott. La Cognata, mi invita a recarmi ai controlli una volta ogni anno. Non so cosa sia successio ma Gian Paolo,così lo chiamo,con le sue preghiere mi ha aiutato."Totò diceva:non ci credo ma,però.

    Report

    Rispondi

blog