Cerca

Concordia, lo scoop di Striscia: lo scandalo dei falsi naufraghi

Il tg satirico scopre giro di falsi passeggeri utilizzati dai programmi tv. La moglie di Schettino scrive ai parenti delle vittime

Concordia, lo scoop di Striscia: lo scandalo dei falsi  naufraghi

La Concordia è stata una tragedia dovuta all'imperizia e alla poca professionalità del Comandante Schettino. Nel naufragio sono morte decine di persone e per i famigliari delle vittime non sarà certo facile dimenticare. Per questo sapere che alcuni programmi televisivi speculano sulla tragedia intervistando falsi naufraghi ci fa provare un senso di sconcerto e rabbia. A scoprire il giro dei falsi passeggeri della Concordia è stata Striscia la Notizia, il tg saitirico di Canale 5. La trasmissione ha smascherato un presunto falso durante il programma Domenica Cinque, registrato il 10 febbraio ma mai mandato in onda, sul caso Costa Concordia. L'inviato di Striscia, Jimmy Ghione, ha intervistato il modello Gabriele Bezzoli che ha ammesso di aver recitato la parte di un marito la cui moglie avrebbe perso un bambino in seguito al naufragio. Peccato che la Costa ha chiarito a Striscia che Bezzoli non si trovava sulla nave quel giorno.

Altri falsi - Mediaset non è l'unica ad aver utilizzato dei falsi naufraghi. Infatti, la prima ad essere colpita dal tg di Antonio Ricci è stata Lorella Cuccarini, che davanti all'evidenza, ha dovuto ammettere le proprie colpe e fare mea culpa. Durante la trasmissione Domenica in su Rai1 è stata trasmessa un'intervista ad una coppia di presunti sposini in crociera sulla Concordia. Alla fine si è scoperto che i due erano dei figuranti della Rai.

Parla la moglie di Schettino - Fabiola Russo, moglie del comandante Schettino, ha scritto una lettera indirizzata ai famigliari delle vittime. "Apro il mio cuore a quanti versano lacrime per la perdita dei loro cari", perché "non occorre essere campioni di sensibilità per rimanere colpiti e affranti". "Il dolore degli altri ci appartiene sempre. Penoso stato, il mio, che si aggiunge alla sofferenza personale, quella più intima e gelida, che pesa come marmo che schiaccia".

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • nlevis

    17 Febbraio 2012 - 12:12

    conduttori tv! Ma come si informano quest'ultimi ? Se questo è servizio pubblico meglio che rispolverino le regole deontologiche alle quali un bravo e serio giornalista deve attenersi.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    16 Febbraio 2012 - 22:10

    Qui vogliono tutti far soldi e audience su una tragedia. Schettino avrà le sue colpe ma non era solo in plancia, i loro aiutanti e vice che hanno fatto? a quanto pare se la sono data a gambe anche loro. E i manager della Costa? non avranno dato ordini di far sbarcare il più tardi possibile i passeggeri per evitare gli indennizzi? Tutti si lavano le mani e incolpano gli altri ma ognuno di loro aveva delle responsabilità ed ognuno di loro se ne è lavato le mani.

    Report

    Rispondi

  • peppedrago

    16 Febbraio 2012 - 19:07

    Ma scusate, esiste ancora qualcuno in Italia che crede a quello che ascolta e vede in televisione ??? Ah ah ah, incredibile !!! Ma come si fa a credere ad una tizia come la Cuccarini e compagnia bella ??? Questa gente stà li per fare soldi ed è disposta a fare e dire qualsiasi cosa per guadagnarli. Capisco un decerebrato, un semianalfabeta che ancora vede tutta quella gente che si agita nell'elettrodomestico come personaggi mitologici, gente in gamba, semidei, ma una persona appena "normale" sa bene come si arriva a lavorare in tv, ce lo hanno spiegato bene il Berla ed il suo amichetto Fede, chi vuole capire, capisca! Pagliacci !!! Mi spiace solo che molti di loro li pago anche con soldi miei, col mio sudore!

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    16 Febbraio 2012 - 19:07

    Talis pater, talis filius

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog