Cerca

Festival, la Rai ora prega "Celentano fai il bravo"

Sanremo, stasera il Molleggiato avrà carta bianca per mezz'ora su palco dell'Ariston. Il dg Lei: "Sei libero, ma rispetta i limiti del buonsenso"

Festival, la Rai ora prega "Celentano fai il bravo"

Dopo il primo delirio, stasera Adriano Celentano replicherà. Il Molleggiato avrà altri 30 minuti a sua disposizione sul palco dell'Ariston. E avrà carta bianca. Gianni Morandi aveva detto che questo sarebbe stato il suo Festival, e così è stato: le provocazioni e le sparate della prima serata hanno catalizzato su di lui tutta l'attenzione, ponendo in secondo piano la kermesse, una kermesse in cui i cantanti hanno faticato a provare perché c'era Celentano dentro al teatro, intento a provare, costringendo gli artisti a provare nella notte.

La nota della Lei - Così, in questo contesto, prova a far sentire la sua voce il direttore generale della Rai, Lorenza Lei, terrorizzata dalle ripercussioni che potrebbe avere un nuovo delirio del Molleggiato. La Lei ha preso carta e penna, e in una nota ha inviato la sua preghierina a Celentano, un piccolo sussulto d'orgoglio: "Che il buon senso e la correttezza prevalgano e che non sia necessario, al termine del Festival, procedere a iniziative conseguenti a violazioni contrattuali". E ancora: "L'edizione del Festival è stata chiaramente costruita anche sulla presenza di Celentano. Si è trattato dunque di una scelta maturata sulla base di una convinta richiesta della Direzione Artistica e della Rete con assunzione dei rischi legati all’imprevedibilità dell’artista al quale l’azienda ha accordato fiducia, come accade per tutti quelli che vanno in diretta, confidando nel rispetto dei patti negoziali che invece purtroppo non sempre sono onorati...".

Carta bianca al Molleggiato - La Lei è terrorizzata, ma la Rai è ostaggio di Celentano, che continua a essere il centro di questo Festival di Sanremo, anche se della sua performance non si sa nulla. Il Molleggiato non solo ha carta bianca, ma mantiene anche il più assoluto segreto. Qualcuno ha solo sentito che nel corso delle prove fiume ha intonato diverse volte uno dei suoi cavalli di battaglia, Svalutescion: chiaro insomma che parlerà di attualita, di crisi, di economia. Ma tutto il resto? Lo scopriremo soltanto stasera, sperando che la predica del Molleggiato non travalichi i limiti della decenza, come è invece successo lo scorso martedì.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • dubhe2003

    18 Febbraio 2012 - 18:06

    ...fosse vero.Da dove vengono fuori questi ingenuotti,responsabili della Rai,se non conoscono i soggetti che ingaggiano? La realtà invece,è che vogliono darci da bere tutte le pantomime,le più sceme,pensando che tutti gli ascoltatori siano degli emeriti imbecilli.La Rai deve essere privatizzata,non se ne può più di mantenere obbligatoriamente gente inetta e falsa,tutta sul nostro groppone.

    Report

    Rispondi

  • eureka.mi

    18 Febbraio 2012 - 15:03

    Questo Festival sarà ricordato per il 'festival di Celentano', non certo per Morandi e la Lei che sono stati pedine manovrate dallo stesso Celentano, solo pedine quindi non all'altezza della situazione e del posto che occupano.

    Report

    Rispondi

  • vitali vanna

    18 Febbraio 2012 - 15:03

    Se quelli che non accettano prediche da Celentano facessero come ho fatto io(ho girato), questo re degli ignoranti avrebbe una bella lezione. Per i curiosi? Il giorno dopo la tv non farà altro che replicare.

    Report

    Rispondi

  • sorpasso

    18 Febbraio 2012 - 11:11

    La RAI ha paura? Chi l'ha volutoCelentano, io di sicuro no. Le auguro che questa sera succeda del casino così la prossima volta ci pensano meglio chi invitare sul palco.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog