Cerca

Prostitute, stage in Russia Così imparano a battere

Le lucciole sono diventate un affare milionario così bande criminali le formano al mestiere, usano microchip per controllare i movimenti

Prostitute, stage in Russia Così imparano a battere

L'ultima frontiera nel mondo dello sfruttamento della prostituzione sono gli stage dove si insegna alle prostitute a battere il marciapiede. Si svolgono in Russia dove le organizzazioni criminali testano la capacità di guadagno di una ragazza. I "corsi di formazione" ma anche cellulari e microchip che servono a controllare i movimenti dei corpi in vendita. In un lungo articolo sul quotidiano Repubblica sono elencate le nuove tecniche di reclutamento delle prostitute descrivendo l'attività incessante della fabbrica delle lucciole. Con l'introduzione delle ordinanze approvate dai Comuni, spiega a Repubblica Vincenzo Castelli presidente di "On the road", associazione a a sostegno delle vittime della tratta -  la prostituzione si è spostata dalle strade ai luoghi chiusi. Appartamenti soprattutto, ma anche cinema e, novità, le sale Bingo mentre i centri massaggi sono una realtà consolidata con cinesi e thailandesi. In strada restano sudamericane, nigeriane e romene.

I dati e organizzazione
Come conferma una ricerca economica dell'Università di Chicago, sono quelle che lavorano di più e guadagnano meno. I prezzi delle prestazioni si sono abbassati, le cinesi e le nigeriane sono quelle che costano meno, accettano di prostuirsi anche per cinque euro.  Impossibile stabilire con certezza il numero delle prostitute presenti in Italia: si va dalle stime più prudenti dell'organizzazione internazionale per le migrazioni, da 19 a 26mila vittime, il Gruppo Abele parla di 70mila ragazze sulle strada di cui venti per cento minorenni. In tutto per nove milioni di clienti e un giro d'affari milionario. Ci sono zone del mondo che fungono da "trampolino di lancio" nel mondo della prostituzione, come il Sud-est asiatico, altri, come Cipro dove vengono posteggiate le ragazze finché i loro documenti non sono pronti. E' qui che imparano il mestiere, come scrive Repubblica "è la scuola elementare" della schiavitù sesuale (nel Paese di 600mil aabitanti ci sono oltre 100 night culub). La base del traffico delle prostitute è Rotterda, in Olanda. Ma i veri e propri stage di prostituzione si svolgono in Russia da cui arrivano moltissime ragazze.


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Francostars

    20 Febbraio 2012 - 18:06

    Se fossi uno sfruttatore/schiavizzatore per controllare le mie lavoratrici del sesso, non userei microchip o telefonini, visto che in tal caso sussiste il concreto pericolo di intercettazioni da parte delle Forze dell'Ordine.

    Report

    Rispondi

blog