Cerca

Morte fratellini di Gravina Dopo 6 anni indagini riaperte

La Procura di Bari riapre l'inchiesta sulla tragedia del 2006: per la madre cinque minorenni non dissero la verità

Morte fratellini di Gravina Dopo 6 anni indagini riaperte

La Procura di Bari riapre le indagini sulla morte dei fratellini di Gravina in Puglia, morti il 5 giugno del 2006. Indagano la Procura ordinaria e quella dei minorenni   sulla base dell’esposto presentato dalla madre di Salvatore e Francesco Pappalardi, 11 e 13 anni, Rosa Carlucci. Secondo la donna cinque ragazzini, all’epoca dei fatti minorenni, erano in compagnia dei figli e saprebbero di più su come morirono. I corpi furono trovati nel pozzo di un palazzo abbandonato al centro della cittadina murgiana il 25 febbraio del 2006.

La vicenda - Per il periodo della scomparsa gli amici dei due fratellini avrebbero taciuto sulla loro morte ma la donna nella denuncia accusa anche alcuni maggiorenni. Il ritrovamento dei corpi portò a scagionare il padre di Ciccio e Tore che nel frattempo era finito in carcere con l’accusa di aver sequestrato e ucciso i figli e di averne fatto sparire i corpi. Secondo Rosa Carlucci, i fratellini caddero verosimilmente nella cisterna mentre partecipavano, assieme ad altri cinque adolescenti, a un gioco, aa una sorta di prova di coraggio nella casa poi soprannominata delle cento stanze. Gli amichetti di Ciccio e Tore, quindi, sempre stando all’esposto, avrebbero visto i due ragazzini   precipitare nella cisterna ma avrebbero nascosto la verità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    22 Febbraio 2012 - 19:07

    una morte orrenda queste due povere creature.POSSIBILE nessuno sapesse e abbia provveduto a chiudere l'ingresso almeno al pozzo? anche il Comune,i genitori,non sapevano dove andavano i figli? cento responsabili e pagasserO!!

    Report

    Rispondi

  • raucher

    22 Febbraio 2012 - 10:10

    abbia mai pensato alle responsabilità del proprietario dello stabile. Un vecchio rottame pericoloso per vari motivi , non va certo lasciato aperto per farci giocare i ragazzini , ma va sbarrato. Chi è il proprietario dello stabile ? Va denunciato , possibile che non ci sia nulla in proposito?

    Report

    Rispondi

  • Chry

    22 Febbraio 2012 - 02:02

    ho un nodo in gola immaginando quell'incubo, sarei furioso se sapessi che qualcuno sapeva e avesse potuto salvarli.

    Report

    Rispondi

  • LADONNADISION

    21 Febbraio 2012 - 18:06

    ...............vengano riaperte le indagini sulla morte di Ciccio e Tore. Sicuramente non saranno quei cinque minorenni, ma per me una certezza c'è sempre stata, i bimbi sono stati "infoibati" senza filo spinato, senza bombe, senza spari, ma buttati giù da qualcuno che aveva tutto l'interesse a che i due piccoli non parlassero e di consegunza non dicessero quello che avevano visto o sentito. Lapalisse docet!

    Report

    Rispondi

blog