Cerca

I redditi dei manager pubblici: più ricchi di tutti i poliziotti

Online gli stipendi dei dirigenti. Il Capo della Polizia Manganelli primo: 621mila €. Gli ufficiali dominano la classifica

I redditi dei manager pubblici: più ricchi di tutti i poliziotti
Dopo i ministri i manager pubblici. Nuova tappa dell'operazione trasparenza portata avanti da Mario Monti: ecco online i redditi dei dirigenti. Il ministro della Pubblica Amministrazione, Filippo Patroni Griffi, ha consegnato alle Commissioni riunite Affari Costituzionali e Lavoro della Camera i dati relativi alle retribuzioni superiori ai 294mila euro (lo stipendio del primo presidente della Corte di Cassazione, che sale fino a 304.951,95 euro se si tiene conto dell'indennità del Consiglio superiore della magistratura). Leggendo i dati si evince che, in Italia, fare il poliziotto conviene. Al primo posto della classifica il capo della Polizia, Antonio Manganelli, che ha guadagnato 621.253,75 euro. E a completare il podio il Ragioniere generale dello Stato, Mario Canzio, con 562.331,86 euro e il Capo dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, Franco Ionta con 543.954,42 euro.

Mancano i cumuli -
Patrioni Griffi, lasciando l'incontro con i giornalisti che ha seguito la presentazione dei dati, ha spiegato che nell'elenco "non ci sono i nomi di coloro che hanno uno stipendio più basso2 a quello del primo presidente della Corte di Cassazione. Il trattamento, ha aggiunto, "è riferito ad oggi e mancano i cumuli", che si ottengono con eventuali altri incarichi. In ogni caso, ha sottolineato Patroni Griffi, nel dpcm che introduce il tetto agli stipendi dei manager è previsto che questi ultimi informino l'amministrazione di appartenenza dell'esistenza di altri incarichi assunti. Il titolare di palazzo Vidoni ha continuato spiegando di aver voluto iniziare consegnando subito questi primi dati, dopo le richieste giunte dal Parlamento: "Era meglio cominciiare, in tre giorni non avrei potuto avere di più". Le commissioni Affari costituzionali e Lavoro formuleranno il parere sullo schema di decreto del Governo il prossimo 29 febbraio.

La top-ten - Al quarto posto della classifica dei manager pubblici-paperoni ecco il capo di Gabinetto del Ministero dell’Economia, Vincenzo Fortunato, che ha ricevuto 536.906,98 euro. La quinta retribuzione più alta è quella del Capo di Stato maggiore della Difesa, generale Biagio Ambrate Abrate, con 482.019,26 euro, che precede il direttore dei Monopoli di Stato Raffaele Ferrara, con 481.214,86 euro, il Capo di Stato maggiore dell’Esercito, generale Giuseppe Valotto, con 481.021,78 euro, e il Capo di Stato maggiore della Marina, Bruno Branciforte, con 481.006,65 euro. Ex aequo al nono posto Corrado Calabrò, presidente dell’AgCom, e Giovanni Pitruzzella, numero uno dell’Antitrust, con 475.643,38 euro. Chiude la top ten, a pochi centesimi di distanza, il presidente dell’Autorità dell’Energia, Pier Paolo Bortoni, che ha ricevuto 475.643 euro. Nelle prime posizioni molti ufficiali: fare il poliziotto conviene.

Dominano le divise - Undicesimo è il Comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, generale Leonardo Gallitelli, con 462.642,56 euro. Dodicesimo Giuseppe Bernardis, Capo di Stato maggiore dell’Aeronautica, con 460.052,83 euro e tredicesimo il segretario generale della Difesa, Claudio de Bertolis con 471.072,44 euro. Seguono Giampiero Massolo, Segretario generale del Ministero degli Affari esteri (412.560 euro) e i componenti dell’autorità dell’energia (Valeria Termini, Luigi Carbone, Rocco Colicchio e Alberto Biancardi) con una retribuzione di 396.379 euro. A dieci euro di distanza ci sono i membri dell’Antitrust e dell’AgCom con 396.369,44 euro, e poi il direttore generale della Consob, Antonio Rosati, con 395mila euro ("più la gratifica annuale") e i componenti dell’autorità di vigilanza sulla Borsa con 322 euro.

Protezione Civile - Scorrendo in ordine sparso l’elenco dei manager della pubblica amministrazione più pagati si trova il Capo del Dipartimento della Protezione Civile, Franco Gabrielli, che ha ottenuto una retribuzione di 364.196 euro, la direttrice dell’Agenzia del Territorio, Gabriella Alemanno, con 307.211 euro ("al netto del contributo di solidarietà"), il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Attilio Befera, con 304.000 euro, il presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, 300mila euro e il presidente dell’Inps, Antonio Mastrapasqua, 216.711,67 euro. Riguardo agli stipendi annui lordi del collegio dell’Antitrust si ricorda che sono stati già adeguati dal 1 gennaio e portati sotto il tetto previsto per i manager pubblici. Il presidente, Giovanni Pitruzzella e gli altri membri del collegio, Piero Barucci, Carla Rabitti Bedogni e Salvatore Rebecchini guadagnano 304.951,95 euro lordi. (AGI)   Rm8/Fri 231603 FEB 12 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Era

    20 Aprile 2012 - 14:02

    Chi non ha coraggio di ribellarsi non ha diritto di lamentarsi.

    Report

    Rispondi

  • BENNY1936

    24 Febbraio 2012 - 11:11

    Questi "Boiardi" che guadagnano più dell'uomo più potente e carico di responsabilita del mondo, danno la misura del degrado di una Nazione ormai neppure più degna di essere chiamata "delle banane". Questi "Boiardi" i cui rischi non sono neanche più quelli di farsi cascare al massimo la Biro sui pantaloni, perche ora c'è il PC, però non hanno colpe. Queste sono di chi ha nel tempo permesso questi veri e propri orrori. E questi sono senza dubbio i politici. Alcuni di questi responsabili sicuramente sono ancora inchiodati alle seggiole parlamentari. A questi "amministratori" scriteriati i giovani disoccupati e senza speranze di oggi dovranno speriamo chiedere conto prima o poi. E, tra l'altro, la Lega scesa a Roma per moralizzare tutto, non si era mai accorta di questi orrori? Pare proprio di no.

    Report

    Rispondi

  • tunnel

    24 Febbraio 2012 - 11:11

    Se queste cose ,succedono,è colpa di tutti gli italiani,tutti si sono e si arrangiano,perciò cosa vi lamentate,sono loro che ve l'hanno insegnato,in modo che potessero fare i loro porci comodi. Gli italiani si meravigliono che il capo della Polizia,denunci € 650Mila/anno, dimendicando il lavoro che svolge lui,le responsabilità che à,i rischi che corre tutt i sacrfici che fà,poi si dimendicano però che ci sono Politici che hanno denunciato guadagni di svariati milioni di Euro.

    Report

    Rispondi

  • diesonne

    24 Febbraio 2012 - 10:10

    sono stati pubblicati gli stipendi dei nababbi strepitosi e vergognosi-ma non è stato detto di quanto scenderanno-la piramide deve essere tagliata dalla cima e non dalla base se si vuole l'equità di cui parla il premier..di questo il giornale si deve fare paladino altrimnti è solo pubblicità per i nababbi

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog