Cerca

Anche Chiesa pagherà Imu Ecco quanto guadagneremo

Saranno soggetti al balzello tutti gli immobili della Chiesa con finalità commerciali.

Anche Chiesa pagherà Imu Ecco quanto guadagneremo

Il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto di semplificazione fiscale al termine della consueta riunione fiume alla quale ci ha abituato il governo tecnico guidato da Mario Monti. Ma al tavolo del Consiglio dei ministri si è discusso anche di Imu per gli immobili della chiesa destinati ad attività commerciali: l'iter delle norme sull'Imu per gli immobili della Chiesa sarà brevissimo, e potrebbero diventare legge già entro pochi giorni, a conclusione dell'iter parlamentare del decreto sulle liberalizzazioni. Il CdM ha infatti approvato un emendamento al decreto in esame al Senato che dovrebbe sciogliere il nodo della procedura di infrazione dell'Unione europea contro l'Italia per il trattamento fiscale di favore sulle proprietà ecclesiastiche. L'emendamento sull'Ici alla Chiesa, spiega Palazzo Chigi, "determina effetti positivi sul gettito anche alla luce del più efficace contrasto di fenomeni elusivi ed abusivi che ne deriva". Viene poi sottolineato che le risorse provenienti dall'applicazione della norma "potranno essere destinate per la quota di spettanza statale all'alleggerimento della pressione fiscale". Palazzo Chigi "in coerenza con il comportamento tenuto da questo Governo in casi analoghi, non si ritiene opportuno procedere ad una quantificazione preventiva delle maggiori entrate".

La nota di Palazzo Chigi- Nel dettaglio il governo presenterà un emendamento al pacchetto liberalizzazioni: lo ha annunciato lo stesso esecutivo con una nota di Palazzo Chigi. "Il Presidente del Consiglio e ministro dell’Economia e delle Finanze Mario Monti - si legge nella nota - ha informato il Consiglio dei Ministri di aver presentato al Senato un emendamento al Decreto Legge 176 del 1/2012, 'Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività' in merito all’esenzione dall’imposta Ici-Imu di cui beneficiano gli enti non commerciali. In considerazione della stretta attinenza ai temi della concorrenza, della competitività e della conformità al diritto comunitario, che sono alla base del DL 1/2012 - continua il comunicato - l’emendamento, presentato direttamente al Parlamento, in sede di conversione di decreto legge già emanato, intende garantire la massima tempestività nell’attuazione degli auspici della Commissione europea".

 

 

"Abrogazione immediata dell'esenzione" - Il testo dell’emendamento sull'Ici alla Chiesa che il governo presenterà al dl liberalizzioni stabilisce "l'abrogazione immediata delle norme che prevedono l'esenzione per immobili dove l’attività non commerciale non sia esclusiva, ma solo prevalente". E’ quanto si legge nella nota di palazzo Chigi, in cui viene poi ricordato che "il 15 febbraio il Presidente del Consiglio e Ministro dell’economia e delle finanze Mario Monti aveva già comunicato al Vice Presidente della Commissione europea e Commissario alla concorrenza, Joaquin Almunia, la sua intenzione di presentare al Parlamento un emendamento per chiarire ulteriormente e in modo definitivo la questione. I criteri seguiti prevedono: l’esenzione per gli immobili nei quali si svolge in modo esclusivo un’attività non commerciale; l’abrogazione immediata delle norme che prevedono l’esenzione per immobili dove l’attività non commerciale non sia esclusiva, ma solo prevalente; l’esenzione limitata alla sola frazione di unità nella quale si svolga l’attività di natura non commerciale;  l’introduzione di un meccanismo di dichiarazione vincolata a direttive rigorose stabilite dal Ministro dell’economia e delle finanze circa l’individuazione del rapporto proporzionale tra attività commerciali e non commerciali esercitate all’interno di uno stesso immobile". Ma l'intento del governo di usare il gettito come unica misura per diminuire le imposte è solo un'illusione perché porterà nelle casse dello Stato solo dieci milioni di euro.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • diesonne

    26 Febbraio 2012 - 08:08

    dopo tanta caciara infangatrice sull'ici della chiesa,sembrava che con questo avrebbe risoltao la finanza italia.il lumia si dovrà ricredere,sono appena 10 milioni-questi nostri amministratori fanno come i vucompra-chiedono 100 per poi cedere a trenta-il pregiudizio religioso è come una pustola che sta nel cervello degli urlatori a tutti i livelli specie i boiardi di bruxelles-siano seri onesti e veritieri

    Report

    Rispondi

  • wall

    25 Febbraio 2012 - 20:08

    ...lo stato è cobinato male al tal punto di toccare la chiesa............forse i commentatori non conoscono i fondatori dei più grandi ospedali italiani che sono stati fondati dalla chiesa e non dallo stato italiano .e cosi anche tutti i fabbricati dello studio...costruite solo in un momento della storia italiana...ma pochissimi casi costruite nei tempi d'oggi..solo qualche casetta che poi sono state abbandonate.cosi come altre costruzioni buttate come i nostri soldi a far mangiare...i compagni di merende..............vediamo se anche gli altri luoghi non di cultura cristiana lo stato fara' pagare l'imurtacci loro............

    Report

    Rispondi

  • angelux1945

    25 Febbraio 2012 - 18:06

    vorrei tanto sapere perchè l'imu non viene pagata anche dai partiti e sindacati, cosè sono per caso figli di un dio maggiore??????? non bastano i soldi che fregano ai cittadini??

    Report

    Rispondi

  • samjamsam

    25 Febbraio 2012 - 16:04

    Ogni volta che metto piede in un esercizio commerciale , rammento le sue parole espresse qualche tempo fa durante una intervista televisiva, l'italia una volta produceva per consumare, adesso siamo spinti da tutte le parti a consumare per produrre. la nostra quotidianità e divenata folle.Parole sante signor direttore. Spero che anche la chiesa cominci presto a pagare le tasse dovute per contribuire ad aumentare la produttività

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog