Cerca

L'allarme dei servizi segreti resisteranno ad oltranza

Nella notte i manifestanti hanno bloccato l'autostrada A32, presidio davanti all'ospedale di Torino, La relazione annuale sull'attività dei servizi

L'allarme dei servizi segreti resisteranno ad oltranza

Dopo le manifestazioni di ieri sera da Milano a Palermo, è stata una notte di tensione in Val di Susa soprattutto al momento del cambio di turno delle forze dell'ordine. Utilizzando lacrimogeni e idranti, le forze dell'ordine hanno rimosso il blocco che i manifestanti No Tav avevano realizzato ieri sera tardi sull'autostrada A32 Torino-Bardonecchia. Ora l'autostrada è percorribile ed è presidiata dalle forze dell'ordine. E' tuttora in corso anche il presidio del movimento No Tav davanti all'ospedale Cto di Torino, dove è ricoverato l' attivista del movimento Luca Abbà, rimasto ustionato e ferito ieri dopo essere stato colpito da una scarica elettrica che lo ha fatto cadere da un traliccio dell'alta tensione.

L'allarme - Nella relazione sull'attività dei servizi segreti si legge nero su bianco la determinazione dei No-Tav: "Determinati a resistere ad oltranza contro la grande opera". Gli 007 sottolinenao il rischio che, con la crisi economica, cresca il rischio di infiltrazioni criminali. "Alla cronica framentazione", scrivono gli 007 si vanno sostituendo "tentativi di conferire alla protesta una nuova spinta di collaborazione e convergenza sui temi dell'ambiente, del lavoro, della "repressione dei beni comuni, nonché sulle conseguenze della crisi nel territorio in termini di occupazione, reddito, tariffe, servizi e diritti sociali".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • brunero48

    28 Febbraio 2012 - 11:11

    Intanto i partiti che sostengono il Governo Monti siano chiamati ad esprimersi chiaramente e senza ricorrere a giri di parole come ha fatto ieri sera l'On.FASSINA nella trasmissione l'INFEDELE dove pur avendo ammesso che esiste un interesse collettivo ha tuttavia dato un colpo alla botte e uno al cerchio dicendo che bisogna tenere conto del Paese reale.I soliti scaricabarile.Diciamo chiaramente che la TAV si deve fare perchè è necessaria, perchè dall'altra parte la Francia ha già fatto i lavori, perchè i governi e il Parlamento l'hanno voluto.Se è così chi ostacola la TAV deve essere perseguito senza se e senza ma.Se sale sui tralicci e resta fulimnato peggio per lui.La colpa non è della Polizia.

    Report

    Rispondi

  • criticone

    28 Febbraio 2012 - 09:09

    la protesta se è democratica si accetta se sfocia in violenze fa fermata in ogni modo.se il tracciato è utile per non essere tagliati fuori dai traffici commerciali fa fatta.muro contro muro genera violenza e bisognerebbe difendere gli interessi della collettività e passare dalla valle senza scrupoli anche usando le maniere forti.poi ogni incapucciato che si presenta e viola la legge va fermato anche sparando ma non in aria ma per ucciderlo perchè questi non hanno scrupoli e se gli capita l'occasione fanno altrettanto.in ogni manifestazione che degenera va applicata la legge marziale.un paese democratico non può permettersi il lusso di lasciar in giro delinquenti,vanno fermati con mezzi appropriati anche violenti .forse è questo che vogliono ed allora diamogli la dimostrazione ed aiutiamo la polizia ad attaccare la delinquenze senza mezze misure e non incriminiamo chi sta difendendo gli interessi nazionali.

    Report

    Rispondi

  • ulisse74

    28 Febbraio 2012 - 09:09

    Chi è fonte del suo mal pianga se stesso. I rivoluzionari della domenica vorrebbero giocare a fare la rivoluzione senza correre rischi, ma non è possibile. Le loro mammine non gliel’hanno insegnato che a giocare con il fuoco ci si brucia le manine ? Ci sono rivoluzionari che muoiono da eroi (Giovanna D’Arco) e rivoluzionari che muoiono da fantozzi segando il ramo sul quale sono seduti. UNICUIQUE SUUM. Se tutti i rivoluzionari della domenica facessero la stessa pirlata di questo tizio la rivolta NO-TAV si esaurirebbe in un paio di giorni.

    Report

    Rispondi

blog