Cerca

Gli antagonisti minacciano sul web "Adesso saremo noi a uccidere"

I No Tav promettono rappresaglie su internet nascosti dall'anonimato: "Sbirraglia e Stato siete degli assassini"

Gli antagonisti minacciano sul web "Adesso saremo noi a uccidere"

Luca Abbà si è arrampicato su un tarliccio dell'alta tensione in Val di Susa, gesto estremo del leader del movimento dei No Tav. E' rimasto folgorato, è caduto e le sue condizioni sono critiche. Nessuno lo ha costretto ad arrampicarsi e a toccare i fili dell'alta tensione, eppure sui siti antagonisti, sul web, su Twitter, su Facebook gli antagonisti si ricompattano attorno a quello che è il loro nuovo eroe (leggi il commento di Gianluigi Paragone: Ecco perché Abba non è un martire). L'episodio di lunedì è sfociato in un crescendo di violenza: presidi in tutte le città, l'occupazione dei binari della stazione Termini a Roma, l'assalto alla redazione di Libero e martedì, il giorno successivo, i combattimenti tra No Tav e polizia sono proseguiti sulle autostrade e le statali italiane. L'equazione del movimento contrario all'altà velocità è tanto semplice quanto scentrata: se Luca è in fin di vita è colpa di uno Stato assassino e di forze dell'ordine altrettanto assassine. Della "sbirraglia assassina", come si legge in diversi commenti che vengono rilanciati su Facebook.

"Al via la guerra vera" - Ma i militanti No Tav alzano il tiro. Gli insulti alle istituzioni non sono abbastanza, e rilanciano con le minacce di morte. Come spesso accade molti dei commenti vengono postati sul portale Indymedia, centro dell'informazione no-global. Le minacce si nascondono dietro l'anonimato. Il sito continua a rimuoverle ma ne fioccano di nuove. C'è chi incita alla "guerra": "Annunciamo l'avvio della guerra (vera) contro il sistema attuale, contro la cricca mafiosa, golpista e trasversale che ormai ha da tempo, troppo temo, gettato ogni maschera". E quindi: "Da adesso conterete i VOSTRI morti, servi o capoccia, vi staneremo... ed è anche MOLTO facile. Ve la siete cercata". Ma non è finita. C'è chi sempre senza mettere nero su bianco il suo nome spara ad alzo zero: "Ora vi ammazziamo voi. Avete cercato il morto per l'ennesima volta. La pace è finita. Ora, alla prima occasione, vi ammaziamo noi, porci servi, fascisti e padroni mafiosi. A morte voi!". Concetti ripresi e rilanciati da diversi collettivi universitari su Facebook: "Finisce male" una delle frasi più gettonate.

"Morte allo Stato" - Tra gli ultimi commenti apparsi su Indymedia, ovviamente anonimo, quello di una persona che tuona: "Nella nostra italietta si muore per difendere i diritti, contro la globalizzazione, e ora anche per difendere la propria terra che dovrebbe essere sacrificata per il piacere e il profitto di pochi signori in blu (...). Morte allo Stato, fuoco al cantiere", una frase condita da un diluvio di punti esclamativi. Per i No Tav, insomma, è tutto molto chiaro. I colpevoli sono stati identificati e sono pronti a colpirli. Abbà è una vittima, e non sarebbe il primo responsabile delle sue azioni. Per comprendere la cifra del movimento torna utile quest'ultimo commento, sempre anonimo: "Questa azione capitalistica-statale-mafiosa ha provocato il volo di 15 metri da un traliccio del compagno Luca, che stava resistendo mettendo in gioco la sua vita, contro i servi in divisa".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • miki78al

    29 Febbraio 2012 - 16:04

    qui stiamo degenerando tutti....Ma sta gente si può permettere di stare a casa dal lavoro e stare lontano da casa per commettere questi crimini? Ma perchè all'estero queste cose succedono ma le forze dell'ordine ci vanno pesante ? Ma quel demente che è in fin di vita caduto dal traliccio poteva anche schiantarsi e crepare subito, mica gliel'ha ordinato il medico di salire su quel traliccio!!!! Pensare che poi dobbiamo pure curarlo a nostre spese mi fA ancora piu incazzare! Quest'opera voluta dall'italia dalla francia e dall Unione europea è da fare, quindi basta rotture e spreco ulteruiore di soldi, che i lavori comincino e finiscano...cosi come tutti i futuri lavori in Italia gia decisi e stanziati....

    Report

    Rispondi

  • darkstar

    29 Febbraio 2012 - 11:11

    Questi sono una banda di pazzi, bisognerebbe identificarli e, se studenti universitari o dipendenti pubblici buttarli fuori immediatamente. Se si dichiarano nemici dello stato non hanno il diritto di farsi mantenere dallo stato.

    Report

    Rispondi

  • darkstar

    29 Febbraio 2012 - 11:11

    q

    Report

    Rispondi

  • 654321

    29 Febbraio 2012 - 10:10

    ..bloccate le sostanze che assumo tutti i giorni, vedrete che in crisi di astinenza se ne andranno!! Questi fulminati di cervello poi danno anche dei fascisti agli altri! Loro minacciano e la Severino tace!! Non so come andra' a finire, ma gia' da adesso ci sono grosse responsabilita' della Severino!! La polizia viene sottoposta a dura prova!! E i fulminati si sentono legittimati a far di tutto ,anche gesti eroici contro ogni banale logica di sfidare sia la polizia che l'energia elettrica! Poi si mitizza un coglione che si fa la bua per fare il gradasso!! Meno male che era talmente intelligente da essere un capo...figuriamoci gli altri!!Le strade ferme, le merci ferme, i camionisti debbono lavorare, bruciano ,disfano, spaccano, allora potremmo farlo anche noi?M.Gorb

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog