Cerca

Vigili indagati per mazzette A Roma l'ombra del racket

Cinque vigili della Capitale indagati per concussione dal Pm Laura Condemi. Indagini per scoprire eventuali altri raggiri

Vigili indagati per mazzette A Roma l'ombra del racket

A Roma, secondo un'indagine condotta dalla Procura, alcuni vigili taglieggiavano i commercianti del centro e chiedevano loro mazzette per chiudere un occhio su eventuali abusi edilizi. Cinque, al momento, i vigili indagati per concussione dal pm Laura Condemi. L'indagine è partita dopo l'episodio denunciato, nello scorso giugno, dall'imprenditore Bernabei, la cui società sponsorizza il circolo sportivo dei vigili. L'imprenditore sarebbe stato costretto a consegnare circa 30 mila euro a due vigili urbani e un geometra, a fronte del minacciato pericolo di denunciare all'autorità giudiziaria un abuso edilizio compiuto all'interno di un magazzino in via della Luce: una veranda trasformata in stanza d'ufficio. Per questo episodio il titolare del magazzino è indagato per abuso edilizio. Sono stati disposti degli accertamenti per appurare se anche altri commercianti, o imprenditori, siano stati vittime delle illecite richieste di denaro da parte degli indagati. Non solo, i militari dovranno controllare anche i movimenti bancari di questi ultimi per cercare riscontri sul denaro estorto a Bernabei ed, eventualmente, ad altre persone.

Il precedente - Il Primo Gruppo del Vigili Urbani fu al centro, lo scorso anno, di un caso segnalato dal programma tv "Le Iene" relativo ai cosiddetti ladri di monetine a Fontana di Trevi. Il servizio televisivo, in particolare, mostrava due vigili urbani che evitavano di intervenire mentre le monetine venivano asportate dal monumento. La vicenda culminò nell'avvicendamento dell'allora comandante del Primo Gruppo, Cesarino Caioni, con l'attuale responsabile Stefano Napoli.

Parla Giuliani - "Dimissioni? E perchè? Non sono mica Schettino". Ha dichiarato il comandante dei vigili urbani di Roma, Angelo Giuliani, commentando le indiscrezioni secondo cui il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, gli avrebbe chiesto le dimissioni dopo l'iscrizione nel registro degli indagati di cinque vigili e di un professionista per concussione, in relazione a un presunto giro di tangenti in centro storico. "Queste indagini le abbiamo fatte noi. Dopo la denuncia di Bernabei, a giugno dello scorso anno, abbiamo inviato tutto al magistrato. Tra l'altro, non sono stato sentito, non ho ricevuto alcun avviso di garanzia".

Alemanno - Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha allontanato le voci sulle possibili dimissioni del comandante dei vigili urbani di Roma, Giuliani, aggiungendo che mercoledì mattina andrà in Procura a parlare con il procuratore facente funzioni. "Dopo questi colloqui - spiega il sindaco della Capitale - darò il mio parere e il mio giudizio su quello che abbiamo letto oggi sui giornali"

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • mab

    01 Marzo 2012 - 12:12

    abbiamo già visto dei filmati con il pizzo ricevuto per lasciare che malavitosi raccogliessero monetine alla fontana di trevi.

    Report

    Rispondi

  • tunnel

    29 Febbraio 2012 - 12:12

    Andiamo avanti cosi ,tanto prima o poi arriveremo all'osso, se questi INFAMI non pagheranno, sarà difficile per gli altri camminare sulla retta via, tanto se non rischiano. Diamo l'esempio con la certezza della pena, chi ruba deve pagare e con la GALERA punto e basta.

    Report

    Rispondi

  • doblone

    29 Febbraio 2012 - 12:12

    Ma figuriamoci,vigili che prendono mazzette,ma non ci credo,un corpo integerrimo al totale servizio del cittadino,...........scusate ho dormito poco questa notte.

    Report

    Rispondi

blog