Cerca

Marò, niente periti italiani: altro schiaffo al governo

L'India non fa partecipare nostri esperti alla prova balistica sulle armi dei 2 soldati. Terzi: "Così siamo senza garanzie"

Marò, niente periti italiani: altro schiaffo al governo

Esclusi i periti italiani dalla perizia balistica sulle armi dei due marò italiani accusati di aver ucciso due pescatori indiani. Il tribunale di Kollam ha respinto oggi una richiesta per la presenza di nostri esperti italiani all'esame sulle armi dei marò in servizio anti pirateria a bordo della petroliera. I due maggiori del Cis, Paolo Fratini e Luca Flebus, erano giunti in India quattro giorni fa per collaborare con la polizia indiana, La prova, che era stata rinviata a causa di uno sciopero, è considerato decisivo per le indagini in quanto potrebbe scagionare i due fucilieri del reggimento San Marco, Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. I risultati dovrebbero essere resi noti nel fine settimana. Dopo l’incontro ieri con i due militari italiani, il ministro degli Esteri, Giulio Terzi era ripartito sottolineando come il clima attorno a questo caso sia migliorato.  In realtà con questa decisione si allarga lo strappo tra Italia e India che, nonostante non ci siano al momento delle prove e fossero molte le imbarcazioni nell'area della tragedia, è convinta della responsabilità dei nostri Marò.

Nessuna garanzia - "Se i nostri esperti non ci sono non abbiamo garanzie: queste continue novità sul piano procedurale e legale non sono assolutamente un segnale positivo". Così il ministro degli Esteri Giulio Terzi commenta la notizie che i carabinieri del Ros potrebbero rimanere esclusi dalla perizia balistica sui proiettili che hanno causato la morte dei pescatori indiani nel caso dei due marò italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • eureka.mi

    01 Marzo 2012 - 15:03

    Se non vogliono controllare con i periti italiani è perchè hanno già dato il loro verdetto di colpevolezza e lo costruiranno a prescindere. Già la direzione dei colpi non da adito a raffiche lanciate dall'alto della nave e sicuramente non vogliono che si facciano altri controlli perchè altrimenti non potrebbero più incolpare gli Italiani. Ed hanno fatto male a tornare nel porto indiano. Sarebbe ora che l'Italia diventasse più severa con gli stranieri e rendesse meno facile la clandestinità. Basta mantenere stranieri, basta rimborsare coloro che abbiamo rimandato indietro. L'Europa non ci ha aiutato allora e non ci può costringere ora a dare del denaro ai profughi. Pensiamo un po' di più all'Italia e agli Italiani.

    Report

    Rispondi

  • osicran2

    01 Marzo 2012 - 11:11

    Ma che va cercando l'India? Rogna? O vuole intimorire i vari Stati per assicurare una copertura ai pirati ed una loro maggiore libertà di azione? I dubbi sono tanti e tutti leggittimi.

    Report

    Rispondi

  • the.signor.rossi

    01 Marzo 2012 - 00:12

    proteggete i nostri militari,non i puzzoni della valsusa.....governo di pagliacci

    Report

    Rispondi

  • carlo58

    29 Febbraio 2012 - 21:09

    non li conosco. conosco gli indiani. mi associo all'appello. liberi subito.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog