Cerca

Aggredita la troupe del Corriere: è la vendetta degli antagonisti

Agguato No Tav agli operatori che martedì hanno girato il video del ragazzo che insulta il carabiniere

Aggredita la troupe del Corriere: è la vendetta degli antagonisti

La vendetta dei No Tav sui giornalisti arriva puntuale. Questa mattina intorno alle 12 gli operatori di H24- Corriere Tv che ieri avevano girato le immagini del giovane antagonista impegnato a provocare e insultare i carabinieri in Val di Susa sono stati aggrediti da un gruppo di militanti No Tav nell'aiuola del presidio sull'autostrada Torino-Bardonecchia all'altezza di Chianocco. I protagonisti del raid punitivo hanno rubato le attrezzature tecniche, colpito un ragazzo al naso e tagliato le gomme del furgone: i giornalisti sono stati costretti ad andare via su un'altra auto.



Botte e paura - "Abbiamo avuto molta paura, però stiamo bene", commentano ora su Corriere.it i tre operatori ricostruendo poi la dinamica dell'aggressione: le loro due auto erano parcheggiate su un prato di fianco all’autostrada A32. Verso mezzogiorno una quarantina di persone si è avvicinata con fare minaccioso: "Cosa state facendo qui?". Il loro sospetto, rivelano gli operatori di Corriere Tv, è che i tre fossero agenti della Digos in appostamento. Quindi è iniziata l'aggressione, anche fisica (uno dei tre è stato colpito al volto). I No Tav hanno "sequestrato" i documenti, due smartphone e le chiavi del pick up con tutta l'attrezzatura audiovideo a bordo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • imbesi.emanuele

    01 Marzo 2012 - 08:08

    Encomio al poliziotto?Ha evitato il peggio?Buffonate e grande ipocrisia!! Ma non finisce qui,che facciamo adesso?Rispediamo a casa subito questo gentiluomo manifestante?Questo paese è troppo sbracato e la sinistra italiana con la sinistra democristiana hanno contribuito a smidollere questo Paese.La democrazia si difende equiparando tutto ciò che avviene in un paese serio.Massacrare di legnate i dimostranti di genova fu un atto democratico!!!!Se si porge laltra guancia perderemo tutti.Questo no tav sà che non gli succederà niente,nemmeno un giorno di carcere,il carabiniere si e arruolato per il posto di lavoro, non per spirito dell arma,non me ne voglia il giovane poliziotto a cui mando mia sincera solidarietà,se si fosse mosso lo avrebbero sbranato tutti.Questo succede in una democrazia marcia. politica arrendevole non paga.Al posto del poliziotto Io gli avrei staccato la testa!Emanuele

    Report

    Rispondi

  • ceccopeppe1940

    29 Febbraio 2012 - 20:08

    V a bene la immensa pazienza del Carabiniere,che si è dovuto adattare all'imperante clima calabraghe, avrei preferito tuttavia una legittima reazione e conseguente arresto di quel buffone. E' chiaro che il no tav si è permesso lo sproloquio nella certezza dell'impunita'. Non penso che avrebbe fatto lo stesso sapendo che avrebbe ricevuto una scarica di calci in culo. Vediamo ora che faranno i nostri ineffabil PM.A parti invertite avrebbero gia' sentenziato. Il ministro dell'interno la pianti di parlare di dialogo.E Monti potrebbe anche dire la sua. A quando l'arresto di Perino che sta commettendo una sequela di reati gravissimi.?

    Report

    Rispondi

  • primus

    29 Febbraio 2012 - 20:08

    indignata.it Ma chiedi troppo….i sindaci e gli organizzatori locali, quelli attivisti no tav, non osano contradire quella feccia….hai mai sentito una presa di posizione netta ????? pongono sempre un se....un ma........... trai tu le conclusioni

    Report

    Rispondi

  • COCCINELLA

    29 Febbraio 2012 - 20:08

    SPERIAMO CHE I GIORNALISTI CONTINUINO A MOSTRARE ALLA GENTE CHE CI SONO ANCHE I VIOLENTI IN MEZZO AI MANIFESTANTI,MENTRE I POVERI POLIZIOTTI SUBISCONO!!!! E ORA ANCHE I POVERI REPORTER!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog