Cerca

Diritti tv, giudice all'attacco: "Non perdiamo tempo"

Il presidente del collegio D'Avossa richiama le parti per accelerare i lavori. Udienza 12 marzo, tre consulenti

Diritti tv, giudice all'attacco: "Non perdiamo tempo"

Le udienze del processo sui   diritti tv in corso a Milano, dove tra gli imputati figurano Silvio   Berlusconi e Fedele Confalonieri oltre ad altri imputati accusati di   frode fiscale, sono troppo 'vuotè. Per questo il presidente del   collegio, Edoardo D’Avossa ha richiamato le parti a citare più testi   per accelerare i lavori. E’ accaduto questa mattina, nell’aula della   prima sezione penale del Tribunale di Milano, dove, unico teste   presente, era Mario Massari, docente alla Bocconi di Finanza aziendale  che, su incarico della difesa dell’ex premier, ha condotto un’analisi   del valore delle library di Mediaset per quanto riguarda i diritti   televisivi nel 1995, prima della quotazione del gruppo in Borsa.

Nel corso dell’esame, però, è emerso che il consulente si è   basato sulle indicazioni di terzi, e per questo la stessa difesa   Berlusconi ha chiesto di sentire un altro perito sul punto. Così,   dopo le 12, quando era chiaro che l’udienza era ormai al termine, il   presidente del collegio ha ripreso le difese sollecitandole a portare   più testi perchè "non possiamo certo tenere questo ritmo".  Appellò subito accolto dal pm Fabio De Pasquale che, quasi   polemicamente, ha ricordato come nell’ultima udienza proprio la difesa  del leader del Pdl aveva promessa di citare più consulenti. I lavori   sono stati quindi aggiornati al 12 marzo quando, ad essere interrogati  dalle parti, saranno altri tre consulenti.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fdrebin

    06 Marzo 2012 - 14:02

    Farsi un'idea della magistratura su Teminera e' come farsi un'idea della politica sui libri di Travaglio. La differenza e' solo nella percentuale di delinquenti sul totale. In politica e' decisamente maggiore.

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    06 Marzo 2012 - 14:02

    Per avere una ampia risposta alle tue domande è sufficiente andare sul sito Teminera.it,per rendersi conto del livello attuale dei nostri magistrati.Per non parlare dei provvedimenti fotocopia di alcuni Gip o confondere in udienza un teste con un'imputato,oppure procedere in contumacia nonostante l'imputato sia deceduto.Esiste una casistica che ci prospetta una magistratura impreparata,dilettantesca e anarchica,soprattutto , impunita.

    Report

    Rispondi

  • maxgarbo

    06 Marzo 2012 - 12:12

    allora Berlusconi ha già vinto! Forza Silvio...

    Report

    Rispondi

  • tonipier

    06 Marzo 2012 - 12:12

    In riferimento a qualche commentatore.... Quanti sono in Italia i giudici disposti accedere alla elaborazione di una sentenza che richiede impegno, preparazione professionale, capaci di resistere alle sollecitazioni dell'espediente più sbrigativo e semplicistico della adozione di un decreto non motivato di rinvio a giudizio come alternativa di conclusione della udienza preliminare anche nei casi in cui la evidenza probatoria rende superfluo il giudizio dibattimentale? Quante sono le sentenze di non luogo a procedere deliberate sinora in italia come epilogo delle udienze preliminare? Vi sono giudici capaci di assicurare alla udienza preliminare l'assolvimento della funzione di filtro di garanzia delle imputazioni azzardate?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog