Cerca

Marò, Napolitano svegliati Ecco le firme di Libero

Centinaia di lettori rispondono alla nostra iniziativa: un appello al Colle per liberare i militari arrestati in India. Leggi come aderire

Marò, Napolitano svegliati Ecco le firme di Libero

Libero a fianco dei due marò italiani in carcere in India. Il direttore Maurizio Belpietro lancia un appello al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano affinchè il Quirinale si muova direttamente per aiutare Massimiliano Latorre e Salvatore Girone. Di seguito, il testo e le firme dei personaggi noti di politica e giornalismo che hanno aderito all'iniziativa.

Fate sentire la vostra voce:  scrivete una mail all'indirizzo liberiamoimaro@liberoquotidiano.it

Aderite all'appello scrivendo il vostro nome e cognome


Guarda il video su LiberoTv: Belpietro "Marò, il Colle intervenga subito"


I sottoscritti rivolgono un pressante appello al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano perché prenda una posizione chiara e forte a nome del nostro Paese  nell’inaccettabile vicenda dell’arresto e della carcerazione dei due marò che si trovavano in missione anti-pirateria su mandato dell’Unione Europa e della Nato. Chiediamo all’India che, nel rispetto dei trattati internazionali, restituisca immediatamente all’Italia il maresciallo Massimiliano Latorre e il sergente Salvatore Girone. Di seguito i primi firmatari dell'iniziativa:

Giampaolo Pansa, Gianni Alemanno, Francesco Barbato, Italo Bocchino, Carmelo Briguglio, Renato Brunetta, Fabio Capello, Mara Carfagna, Giacomo Chiappori, Fabrizio Cicchitto, Carlo Ciccioli, Massimo Corsaro, Stefania Craxi, Marcello De Angelis, Nunzia Di Girolamo, Ennio Doris, Carlo Fidanza, Maurizio Gasparri, Mario Giordano, Fabio Granata, Camillo Langone, Selvaggia Lucarelli, Gennaro Malgieri, Angelo Mellone, Giorgia Meloni, Roberto Menia, Giampiero Mughini, Fiamma Nirenstein, Leoluca Orlando, Gianluigi Paragone, Gaetano Quagliariello, Gianfranco Paglia, Renata Polverini, Laura Ravetto, Licia Ronzulli, Maurizio Sacconi, Alfonso Signorini, Salvo Sottile, Francesco Storace, Giorgio Stracquadanio, Giovanni Toti, Andrea Vitali.

Leggi  le altre firme arrivate in redazione

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GloriaCinti

    07 Marzo 2012 - 07:07

    Proposta indecente? Non vedo perchè stati a cui abbiamo dato tanto aiuto, possano permettersi di infrangere impunemente leggi internazionali e noi no. A casa tutti, compresi i trans brasiliani di cui non abbiamo certamente bisogno, per ringraziare il brasile dell'ospitalità sulle loro spiagge di cesare battisti. Basta fare i buonisti, ne abbiamo le scatole piene!

    Report

    Rispondi

  • Dolledro

    07 Marzo 2012 - 02:02

    ricolgetevi direttamente a San Silvio e' l'unico in grado se vuole,visti i suoi legami con altri potenti, a poter fare qualcosa di concreto. Gli altri , spero di no, ci impiegheranno troppo tempo e magari nello stesso tempo il governo non sara neppure lo stesso mentre San Silvio non ha bisogno di essere li sulla poltrona x contare qualcosa nel mondo scusate ho usato una forma apparentemente sarcastica ma ne sono veramente convinto io al vs. posto farei cosi andrei a corte ad Arcore. buona fortuna L.S.

    Report

    Rispondi

  • ettore.albano

    07 Marzo 2012 - 00:12

    Il governo dovrebbe richiedere l'intervento di UE, Nato, ONU, degli USA e se non dovesse trovare ascolto, dovrebbe, immediatamente ritirare il contigente militare italiano in Afganistan. Ma siamo proprio i più fessi del mondo !? In Afganistan impieghiamo risorse economiche e umane ingenti, con grave tributo di sangue, a sostegno, in fin dei conti, degli USA e, in questa disgraziata circostanza, non dovremmo poter contare sull'aiuto americano? Dovrebbe essere, in questo momemnto, la prima questione all'odg del governo, dei media, dell'opinione pubblica nazionale....

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    06 Marzo 2012 - 21:09

    tanto nell'italietta immigrazionista e accogliente ci sono altre orde di nobili etnìe immigrate che li soppianteranno. Ma intanto cacciamo tutti questi indecenti straccioni indiani, finora accolti,coccolati e protetti politicamente e dall'opinione pubblica. Vediamo come reagiscono. Ci facciamo mettere sotto anche da un'enclave di pezzenti come l'India...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog