Cerca

Garlasco, la resa dei giudici "Non sapremo la verità"

Le motivazioni della sentenza di appello che assolve Alberto Stasi: non ci sono prove contro di lui, solo indizi senza forza logica

Garlasco, la resa dei giudici "Non sapremo la verità"

Nelle motivazioni della sentenza di secondo grado con cui il 6 dicembre è stato assolto Alberto Stasi dall'accusa di aver ucciso la fidanzata Chiara Poggi, i giudici della seconda corte d'Assise e d'Appello di Milano sottolineano che "quanto a Stasi esso, per quanto ci si accinge ad illustrare, si caratterizza per la presenza di indizi risultati privi di forza logica, perché non resistenti alle obiezioni, non attendibili, non convincenti.
E poi le ipotesi alternative alla non provata responsabilità di Stasi non sono eventualità remote, ma riguardano scenari alternativi dei quali la presenza della bicicletta nera da donna fuori l'abitazione della vittima potrebbe costituire un elemento costitutivo. Scenari attraversati da altri protagonisti, e che forse sono stati caratterizzati da progressioni criminose non esplorate, e quindi rimaste ignote".


I giudici di secondo grado, in un'altro passaggio delle motivazioni della sentenza, rispondono anche alla richiesta della parte civile di individuare chi sia stato il responsabile della morte della ragazza spiegando che questa domanada "nella sua totalità non rintraccia il suo destinatario nella corte oggi chiamata a decidere il presente giudizio" perchè l'imputato è uno solo ed è Alberto Stasi. "La risposta al quesito relativo all'identità della persona che, in alternativa all'imputato, pose termine alla vita di Chiara Poggi con la violenza che è emersa negli atti - si legge ancora - non è indicata nel capo d'imputazione. Essa dunque è estranea al giudizio devoluto a questa Corte".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    06 Marzo 2012 - 19:07

    uno trova una fidanzata in quelle condizioni e non va vicino prima per vedere se è ancora viva e nel caso,poichè la fidanzata era sulle scale per forza,per trovarla ha dovuto attraversare la casa e non si è sporcato? HA FATTO SPARIRE PER BENE TUTTO!

    Report

    Rispondi

  • franziscus

    06 Marzo 2012 - 14:02

    ma se si fosse sporcato di sangue potrebbe essere la prova che l' ha uccisa lui, infatti come si fa a uccidere senza sporcarsi ? E' comodo accusare il primo che capita, soprattutto se è antipatico come lui, ma perchè non seguire anche le altre piste ? Si fa troppa fatica ?

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    06 Marzo 2012 - 14:02

    Ad un mio caro amico gli è morto l'unico figlio.Mentre la moglie disperata non ha mai smesso di piangere,lui è rimasto con gli occhi stralunati,senza versare una lacrima e senza piangere.Abbiamo provato a scuoterlo con due ceffoni,ma niente.Il psicologo interpellato ci ha spiegato che non tutti reagiscono alla stessa maniera davanti ad un fatto traumatico.

    Report

    Rispondi

  • orfeo61

    06 Marzo 2012 - 14:02

    Ineccepibile.Ma lascia l'amaro in bocca; per non parlare del dolore dei genitori della povera ragazza uccisa...

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog