Cerca

Ndrangheta, maxi processo: 90 condanne, 34 assoluzioni

Reggio Calabria, sentenza Crimine: 10 anni di reclusione a Domenico Oppedisano, considerato il "capo-crimine"

Ndrangheta, maxi processo: 90 condanne, 34 assoluzioni

Trentaquattro assoluzioni e oltre 90 condanne sono state pronunciate dal gup di Reggio Calabria, Giuseppe Minutoli, al termine del processo Crimine che è stato celebrato con il rito abbreviato. La maxi inchiesta aveva  portato a oltre 300 arresti il 10 luglio 2010 insieme all’operazione "Infinito" della Dda di Milano. Tra le pene più importanti c'è quella di Giuseppe Commisso, condannato a 14 anni e 8 mesi di reclusione. Fondamentali per le indagini erano state le intercettazioni nella sua lavanderia a Siderno, nella Locride, dove parlava di 'ndrangheta pensando di essere al sicuro.

Condanne eccellenti
- Tra i personaggi chiave dell’indagine c'è Domenico Oppedisano, considerato dai magistrati della Dda di Reggio Calabria il “capo crimine”, ovvero una figura di congiunzione tra i tre “mandamenti” jonico, centro e tirrenico e con le altre locali di 'ndrangheta installate nelle regioni del Nord Italia e all’estero. Il gup lo ha condannato a 10 anni di reclusione ( i pm avevano chiesto la condanna a 20 anni). Le condanne inflitte dal gup Minutoli sono sensibilmente più basse rispetto a quelle richieste dalla Procura. Alla lettura della sentenza nell’aula bunker di Reggio Calabria c'erano i procuratori aggiunti Michele Prestipino e Nicola Gratteri, e i sostituti Antonio De Bernardo, Maria Luisa Miranda e Giovanni Musarò.

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • ciannosecco

    08 Marzo 2012 - 16:04

    il 30 per cento era innocente.

    Report

    Rispondi

blog