Cerca

Folle ordinanza del sindaco: "Vietato morire"

Lo stravagante diktat del primo cittadino di Falciano del Massico. Cimitero pieno: "Divieto di passare il confine della vita terrena"

Folle ordinanza del sindaco: "Vietato morire"

È probabilmente l’ordinanza sindacale più stravagante degli ultimi anni. A Falciano del Massico (Caserta) è praticamente «vietato morire»: nel senso che il primo cittadino ha emanato un’ordinanza (la n. 9) in cui ha scritto che «è fatto divieto con decorrenza immediata e per quanto nelle possibilità di ciascuno di oltrepassare il confine della vita terrena per andare nell’al di là». In parole povere, sia ai cittadini sia a quanti si trovano di passaggio è esplicitamente interdetta la possibilità di tirar le cuoia.

Quando Libero ha notato la singolare notizia nell’edizione online del Corriere del Mezzogiorno, il sospetto che si trattasse di uno scherzo è affiorato immediatamente: sospetto rafforzato anche dal nome intero del sindaco di Falciano, Massimo Giulio Cesare Fava. Il problema, era soprattutto la combinazione tra “Massimo” e “Fava”.  Armato di telefonino, il cronista ha raggiunto il sindaco di questo piccolo centro del casertano sul cellulare. E ha scoperto che dietro la boutade, formalizzata al protocollo e all’albo pretorio del Comune, si nasconde una storia che sa dell’incredibile. «Non so più dove sistemare i morti», dice a Libero Fava, «perché dal ’97 il consorzio che doveva allargare il cimitero che condividiamo con la vicina Carinola non ha adempiuto agli obblighi».

Giulio Cesare Fava è sindaco da 5 anni, è un ex Dc che ha vinto le ultime elezioni con una lista civica. «Ora mi sono stufato di mendicare in giro il favore ad altri comuni per tumulare i nostri cari» spiega, «farò il cimitero nuovo sicuramente, i cittadini mi hanno già offerto i terreni così sarà a costo zero e senza lungaggini burocratiche. E se domani un giudice mi condannerà sono pronto a pagare in prima persona. Non è concepibile non poter neppure sotterrare i morti». Ma non s’era detto che lì da lei non si può morire? «Certo, siamo in attesa che tutto il mondo si trasferisca qui da noi», conclude l’originale primo cittadino.

di Peppe Rinaldi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • L'Italiano1982

    09 Marzo 2012 - 18:06

    E magari si crede pure divertente, eh? Per una certa oscena e disprezzabile categoria di persone, probabilmente... Eh sì, purtroppo non si può far finta che non esista...

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    09 Marzo 2012 - 13:01

    c'era uno che leggendo il giornale dei necrologi del locale bar esclamava"Oggi non ci sono"E cosi' via per mesi ed anni.Un bel giorno il barista,non vedendolo arrivare lesse anche lui i necrologi...."Azz.....oggi che c'è non e venuto".Mica però c'era il sindaco ad impedirlo.e' andato e basta.Il Sindaco vuole risolvere il problema?Basta che mettano un forno ed uno sta tutto in una lattina.Per F.ce ne vorrà una e mezza,ma ci sta tutto quanto pure lui che pesa mezza tonnellata.In alternativa,se non sa chi scegliere si rivolga ai tedeschi.Hanno esperienza e sono gente seria. Buona sera.

    Report

    Rispondi

blog