Cerca

Dell'Utri "perseguitato": verdetto-mazzata sui pm

La Cassazione annulla la condanna a 7 anni per associazione mafiosa contro il senatore Pdl. L'Appello da rifare: prescrizione nel 2014

Dell'Utri "perseguitato": verdetto-mazzata sui pm

Il processo contro Marcello Dell'Utri è da rifare. La quinta sezione penale della Cassazione ha disposto l'annullamento della sentenza con cui in Appello i giudici palermitani avevano condannato a 7 anni il senatore del Pdl e braccio destro di Silvio Berlusconi di concorso esterno in associazione mafiosa. Accolto dunque il ricorso della difesa e del procuratore generale Francesco Iacoviello, che aveva parlato in mattinata di "gravi lacune giuridiche" nella sentenza. Così è stato: le prove non erano sufficienti alla condanna.

Dell'Utri soddisfatto - "Nessun imputato deve avere più diritti degli altri ma nessun imputato deve avere meno diritti degli altri: e nel caso di Dell'Utri non è stato rispettato nemmeno il principio del ragionevole dubbio", aveva aggiunto Iacoviello nella sua requisitoria. "L'accusa non viene descritta, il dolo non è provato, precedenti giurisprudenziali non ce ne sono. La Cassazione ha di conseguenza dichiarato inammissibile, invece, il ricorso della procura generale di Palermo, che chiedeva per Dell'Utri una pena più severa dei 7 anni in Appello.  "Accolgo con sollievo questa sentenza - ha commentato a caldo con i suoi legali Dell'Utri -, finalmente ho trovato una magistratura che mi ha giudicato in modo sereno". Ora il processo d'Appello si dovra ricominciare da capo, con il fortissimo rischio di prescrizione, che per il reato di cui è accusato il senatore azzurro arriverebbe non il 30 giugno 2014. "Ma essere prescritti non è il nostro obiettivo", spiegano i legali. Il segretario Pdl Angelino Alfano, siciliano come Dell'Utri, gli ha detto: "Tieni duro e fatti valere". E Silvio Berlusconi ha commentato: "Sono soddisfatto, mai avuto dubbi su di lui".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • 654321

    12 Marzo 2012 - 17:05

    il compagno chry, dalle figure di merda si finisce, fa concorrenza al compagno satanik,il compagno chry non solo scrive boiate , ma non fa altro che pensarle per noi e Libero e ci mette al corrente!! Il compagno Chry infatti pensa di scrivere sull'Unita' e quindi e' questo un evidente segno di distorsione del pensiero!! Chry, predica bene e razzola male, invece di pensare Al Brsanov, che cammina sulla lama di un rasoio viene qui per distogliersi il pensiero che il suo branco di pecore vaga senza orizzonte!! Tipico della volpe che quando non arrivo' all'uva disse che era acerba!! Chry se volesse far del bene e del sociale dovrebbe scrivere appelli sull'unita' per tenere unito il suo branco!! Qui siamo liberi e tali rimarremo, voteremo chi e come ci pare, il compagno Chry nella mente possiede una micro cips programmata per l'eternita e scegliera' sempre di essere pecora, vero Chry?MGorb

    Report

    Rispondi

  • guidoboc

    10 Marzo 2012 - 20:08

    Certo che sono contento, ci mancherebbe , la storia di Mangano la conosco benissimo morto di tumore in carcere . Dovrebbe conoscere meglio i Siciliani ,poi potrebbe intuire tante cose. ( il processo a dell'Utri e' una buffonata).

    Report

    Rispondi

  • parigiocara

    10 Marzo 2012 - 20:08

    dai suoi commenti è evidente che lei non abbia la più pallida idea di come funzioni il processo penale; faccia un favore a noi e a sé stessa: apra un codice di procedura penale . Oppure, se non sa leggere, non scriva .....

    Report

    Rispondi

  • ciannosecco

    10 Marzo 2012 - 15:03

    Eccolo l'altro minchione.La sentenza di primo grado è stata superata da quello di secondo grado.Testa di caxxo.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog