Cerca

Striscioni contro Parolisi Parenti di Melania: vigliacco

Il Gup dice sì al rito abbreviato: la pena verrà scontata di un terzo. Il papà di Melania: Salvatore è un vigliacco

Striscioni contro Parolisi Parenti di Melania: vigliacco

Salvatore Parolisi, l'uomo accusato dell'omicidio della moglie Melania Rea, sarà giudicato con rito abbreviato. Il gup Marina Tommolini ha deciso dopo un'ora dall'inizio dell'udienza. Il rito abbreviato deve essere subordinato a una superperizia sull'ora della morte della donna. Per i reati di omicidio volontario aggravato e vilipendio di cadavere la pena massima è l’ergastolo.   Il corpo di Melania Rea fu trovato due giorni più tardi rispetto alla sua scomparsa che risale al 18 aprile scorso nel boschetto di Ripe di Civitella del Tronto (Teramo).

La reazione - "Salvatore è un vigliacco, ha  sempre tenuto lo sguardo e la testa abbassata". Lo ha detto il padre  di Melania, riferendosi all'atteggiamento dell'uomo che non lo ha guardato in faccia in udienza. "Io avrei voluto guardarlo negli occhi ma non ho potuto - ha aggiunto il padre di Melania - e ha dimostrato ancora una   volta di essere un uomo senza attributi". Commentando la decisione del  giudice di ammettere il rito abbreviato, ha aggiunto: "A noi non   cambia più di tanto se il giudice vuole approfondire, accettiamo la   sua decisione".

Prossima udienza - E’ stata fissata al prossimo 30 marzo l'udienza nella quale il gup Marina Tommolini ha ammesso sia l'accusa che la difesa, ma anche la parte civile, al conferimento dei quesiti integrativi rispetto alle perizie depositate. Il 30 marzo sarà dato mandato a un genetista e a un medico legale per l’approfondimento delle perizie sull'ora della morte di Melania Rea, così come chiesto dalla difesa di Parolisi che aveva presentato istanza di rito abbreviato condizionato proprio per dimostrare che all’ora della morte della moglie li si trovava a Colle San Marco (Ascoli Piceno) con la figlia. I periti nominati sono la genetista Sara Gino e il medico legale Gianluca Bruno. Sempre in quella che può essere definita la seconda udienza dinanzi al gup di Teramo saranno ascoltati i tre testimoni di Colle San Marco relativamente alla presunta presenza di Parolisi in quel luogo e alla sua auto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    12 Marzo 2012 - 19:07

    in fondo si riconosce colpevole o no?

    Report

    Rispondi

blog