Cerca

Islamici litigano in moschea Finisce a tappetate in faccia

A Padova scoppia una rissa tra due gruppi di fedeli che poi degenera e manda in titl il traffico. Arriva la polizia

Islamici litigano in moschea Finisce a tappetate in faccia

Urla, spintoni, schiaffi e un violento lancio di tappeti in segno di protesta. Tappeti in faccia anche all’imam, che è stato costretto ad interrompere la funzione religiosa. È scoppiato il finimondo a Padova, nella moschea di via Anelli. Un putiferio figlio della tensione tra i due gruppi principali di fedeli, che poi è proseguito in strada, dove circa 200 persone hanno continuato ad azzuffarsi fino all’arrivo della Polizia e degli agenti della Digos, costretti a isolare la zona - mandando in tilt il traffico per oltre un’ora. A scatenare la rivolta pare siano state alcune decine di devoti dell’associazione “Mortise”, che da tempo accusano i gestori della moschea - appartenenti all’associazione “Rahma” - di tenere una condotta morbida nei confronti dell’amministrazione comunale.

Accuse incrociate -   I responsabili del centro di culto, prossimi ad abbandonare via Anelli, hanno acquistato da tempo un altro immobile, più grande ed accogliente, per trasformarlo in una nuova moschea, ma il trasferimento è bloccato da problemi burocratici oltre che dalla lentezza dei lavori di messa a norma dell’edificio. Di qui la rabbia dei fedeli “ribelli” che vorrebbero venisse adottato il pugno duro nei confronti del Comune. Ed invece  al termine della preghiera, i gestori della moschea avrebbero  negato la lettura di un documento di denuncia. Non bastasse, i fedeli dell’associazione “Mortise” contestano la collocazione della nuovo centro di preghiera e vorrebbero staccarsi dal gruppo “Rahma” per aprire un luogo di culto in un’altra zona della città. Senonché la fazione ribelle accusa i gestori della moschea pure di amministrare male i fondi a disposizione, un patrimonio di decine di migliaia di euro frutto delle offerte dei fedeli. Il timore delle forze dell’ordine è che tra questi “ribelli” vi sia anche qualche estremista islamico.
di Alessandro Gonzato

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    16 Marzo 2012 - 21:09

    questi politici una legge rigorosa NON la possono fare:prima per loro,ci vorrebbe!!

    Report

    Rispondi

  • raucher

    13 Marzo 2012 - 19:07

    imparare ad essere umili nella terra che li ospita? Pia illusione , gli arabi hanno solo tanta arroganza e prepotenza. Tornare a casa loro? Vuole scherzare , in patria hanno solo miseria e calci nel cu..., questo è il paese del bengodi , di pirla che li curano negli ospedali, nelle scuole , ecc.Perciò alzano la voce, alla Caritas sono famosi per le loro pretese, si beccano tutto loro, con insistenza e sfacciataggine. Per questo motivo non mollerò mai nenche 1 cent alla Caritas.

    Report

    Rispondi

  • graziella

    13 Marzo 2012 - 18:06

    anche perchè il sindaco di Padova del PD li ha sempre appoggiati e caldeggiato tutte le loro richieste e le loro iniziative, non è mai stato fatto un referendum che desse voce ai padovani riguardo alla moschea che vogliono costruire per le loro preghiere : se le loro preghiere finiscono a tappettate e cazzotti in faccia significa che porgere l'altra guancia, perdonare ed amare il prossimo non sono sentimenti nel quale si riconoscono. Imparino a rispettare le loro donne senza trattarle da schiave, imparino ad essere umili in una terra che li ospita, e se le nostre leggi, i nostri costumi, le nostre usanze, i diritti e i doveri non rientrano nelle loro abitudini.... che se ne tornino a casa, nessuno li fermerà.

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    12 Marzo 2012 - 19:07

    non se ne può più di questi straccioni,ma possibile che l'UE prenda solo immigrati di tale (infimo) livello?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog