Cerca

Minzolini, la rissa e le querele contro l'uomo di Santoro

Il Tribunale del Lavoro dice no al reintegro al Tg1 dell'ex direttore. E lui se la prende con il giornalista di Servizio Pubblico

Minzolini, la rissa e le querele contro l'uomo di Santoro
Rissa verbale tra Augusto Minzolini e l'inviato di Servizio Pubblico, Luca Bertazzoni. Lo scontro è avvenuto fuori dal Tribunale del Lavoro che aveva rigettato il ricorso d'urgenza dell'ex direttore del Tg1. Minzolini , che era stato rimosso lo scorso dicembre dopo il rinvio a giudizio per peculato, chiedeva il reintegro alla guida del tg dell'ammiraglia. All'uscita del Tribunale, Minzolini è stato fermato dall'inviato di Servizio Pubblico che gli chiedeva conto dei suoi weekend lavorativi in diverse località turistiche come Capri, Dubai e Cortina. Minzolini ha risposto seccato alle domande incalzanti di Bertazzoni che voleva avere informazioni sulle spese personali (utilizzando i soldi dell'azienda) fatte dall'ex direttore durante i suoi soggiorni. "Tu non hai letto le carte" ha risposto piccato Minzolini. Da lì è nato un alterco tra i due con tanto di annunciata querela da parte di Minzolini nei confronti di Bertazzoni.

Guarda il video su LiberoTv: La rissa tra Minzolini e il giornalista di Santoro

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • parigiocara

    13 Marzo 2012 - 17:05

    io invece sono rimasta delusa dalle risposte date da Minzolini al pidocchioforo: già alle prime battute lo avrei mandato affff.....lo; e se avesse continuato ad insistere, lo avrei querelato per mololestie ... nei giorni scorsi ho visto lo scontro Costamagna/Carfagna .... e pur non avendola apprezzata in passato, oggi mi sento di rivalutare alla grande la ex Ministra

    Report

    Rispondi

  • bepper

    13 Marzo 2012 - 13:01

    Chiunque spenda illegittimamente decine di migliaia di euro con la carta aziendale, che non abbia letto il proprio contratto di impiego salvo che per la cifra finale dello stipendio, 550 mila euro all'anno, che si giustifichi esibendo le condizioni contrattuali del precedente lavoro e che sia rinviato a giudizio per peculato, ha il diritto al pieno reintegro alla funzione dirigenziale ed è persecutorio destinarlo ad altra funzione. La sinistra ha veramente esaurito gli argomenti. Patetico!

    Report

    Rispondi

  • PACCHE

    13 Marzo 2012 - 11:11

    quel giornalista che pensa di essere qualcuno, è solo un galoppino di santoro e peggio ancora un comunista stantio. pacche

    Report

    Rispondi

  • peppedrago

    13 Marzo 2012 - 11:11

    Io non mi sento di criticare il Minzo per il suo presunto "filoberlusconismo", al tg1, uno vale l'altro, o che operi ed ubbidisca alla banda di Bersani, o che sia prono e sottomesso alla banda avversaria, quella del Berla, comunque chi ricopre quella carica é un passacarte, un semplice cameriere del potente di turno. Io sono basito per i soldi che ha speso con la carta di credito aziendale !!! AH ah ah, incredibile!!! E lui si giustifica dicendo che quei soldi li ha restituiti, ah ah ah, cose da non credere!!!Alberghi a 5 stelle, ristoranti di lusso, viaggi, ecc, insomma, quest'uomo ha vissuto COI NOSTRI SOLDI, nel lusso più sfrenato, E SI STUPISCE SE L'HANNO CACCIATO A CALCI !!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog