Cerca

Il prete di Como confessa: "Sono stato con la 13enne"

Scandalo nella diocesi: Don Mangiacasale ammette la relazione con la ragazzina. Lui resta in carcere, le indagini s'allargano

Il prete di Como confessa: "Sono stato con la 13enne"

Don Marco Mangiacasale ha ammesso tutto e resta in carcere. Lo ha fatto sapere il suo legale, Renato Papa ieri dopo che per oltre due ore il prete, arrestato per violenza sessuale reiterata e aggravata su una minorenne, ha risposto all’interrogatorio del giudice Maria Luisa Lo Gatto. Don Marco è stato arrestato mercoledì scorso. L suo avvocato ha chiesto la scarcerazione e gli arresti domiciliari in una struttura idonea al recupero personale: «Il suo comportamento è stato ampiamente ammissivo degli addebiti che gli sono stati formulati - ha spiegato li legale difensore - ma si è comportato con grandissima dignità, sia pur nel momento di drammatica sofferenza che sta vivendo, è stato ampiamente collaborativo. Altre cose non posso riferirle per non intervenire nel meccanismo delle indagini e non creare problemi a persone in qualche misura interessate a questa vicenda».

Le parole del legale di don Mangiacasale sembrano lasciare intendere che possano esserci altre persone, coinvolte nella vicenda. Non è dato, però, sapere se sia effettivamente così e chi e in quale misura possano essere queste «persone interessate a questa vicenda». Nel corso dell’interrogatorio, come detto, l’ex economo della diocesi ha ammesso tutti gli addebiti formulati dal pubblico ministero, ma anche espresso il suo dolore e le sue scuse a tutte le persone che stanno soffrendo a causa sua, a partire dalla ragazza e dalla sua famiglia.

Anche in virtù del reale e sentito rammarico dimostrato dal prete e del suo comportamento «pienamente collaborativo» l’avvocato ha chiesto al giudice che venga trasferito dal carcere agli arresti domiciliari, possibilmente una struttura di tipo ecclesiastico: «Abbiamo fatto richiesta di concedere un affievolimento della situazione carceraria. Confidiamo che questa richiesta venga accolta, speriamo entro un paio di giorni. Abbiamo proposto una serie di possibilità di strutture adeguate al caso, in cui confidiamo che don Mangiacasale possa procedere in un percorso sofferto ma di grande consapevolezza della necessità di fare un approfondimento interiore rispetto a questa vicenda che si è trovato a vivere».

Il prete  secondo l’accusa avrebbe avuto una relazione prolungata con una minorenne, iniziata quando la giovane aveva solo 13 anni e durata oltre tre anni, fino allo scorso febbraio, quando la ragazzina ha confidato tutto a don Roberto Pandolfi, il prete della parrocchia di San Giuliano che un paio di anni fa aveva sostituito don Mangiacasale quando era stato chiamato a ricoprire il ruolo di economo della diocesi.

di Dario Alemanno

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    14 Marzo 2012 - 11:11

    Con quale misura lei stabilisce la 'normalità'? Da quella che lei stesso definisce 'malattia'? Lei rinuncia ad una spiegazione della vita, del dolore e del male, rinunciando a capire i preti. Proprio non si pone neppure il problema? Ma allora usando i suo metro da eliminare sono le persone come lei che non vogliono usare il cervello! E poi: lei, per caso, è nato da due persone di sesso uguale? Due uomini, magari, visto che li difende?

    Report

    Rispondi

  • blues188

    14 Marzo 2012 - 11:11

    Con quale misura lei stabilisce la 'normalità'? Da quella che lei stesso definisce 'malattia'? Lei rinuncia ad una spiegazione della vita, del dolore e del male, rinunciando a capire i preti. Proprio non si pone neppure il problema? Ma allora usando i suo metro da eliminare sono le persone come lei che non vogliono usare il cervello! E poi: lei, per caso, è nato da due persone di sesso uguale? Due uomini, magari, visto che li difende?

    Report

    Rispondi

  • ed7

    13 Marzo 2012 - 23:11

    ..ahah...sei davvero imbecill@. Silvietto è malato...si farebbe tua madre, tua nonna e tua figlia. E pure te visto che ti inc#l@ da ben oltre 15 anni

    Report

    Rispondi

  • spalella

    13 Marzo 2012 - 18:06

    Ma la vogliamo smettere una buona volta di dare peso ad una religione che nega qualsiasi normalità, che nega ai suoi preti la normale vita di coppia e di famiglia, che nega anche l'evidenza della scienza, che si impone anche nella gestione della malattia delle persone alla faccia di chi ha la malattia ? un ignobile stato vaticano, gestito da ignoranti che vivono di favole vecchie di millenni, favole incredibili ed irrazionali per qualsiasi mente almeno un pò intelligente. Uno stato di preti che non ha alcuna ragione civile e pratica di esistere e che ci danneggia e rallenta nella cutlura e nella civiltà da secoli e secoli... cancelliamolo, togliamogli i soldi che ogni anno ci ruba, non permettiamo a questi ignoranti di inficiare le nostre vite, le nostre scelte, e ancor di più la nostra politica che tra l'altro è già marcia per conto suo....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog