Cerca

Violentano una coetanea Fermati due quattordicenni

I ragazzini avevano adescato la giovane su Facebook. Riprendono lo stupro e minacciano la vittima di mettere il video su Youtube

Violentano una coetanea Fermati due quattordicenni

Due minori di 14 anni sono stati  fermati dalla polizia di Foggia per violenza sessuale e sequestro di persona nei confronti di una loro coetanea. I due ragazzini sono stati  trasferiti in una comunità nel brindisino. Secondo le prime   ricostruzioni della polizia la vittima aveva conosciuto su Facebook i due minori, che l’avrebbero poi obbligata ad avere un rapporto sessuale completo. La violenza sarebbe avvenuta a Cerignola, nei pressi di un istituto scolastico. I due avrebbero anche minacciato la ragazzini di mettere il video con la violenza sessuale su Youtube. Ora i due giovani di 14 anni sono stati collocati in comunità, in base a un provvedimento del gip del Tribunale dei Minorenni di Bari, al termine di indagini svolte da agenti del Commissariato di Polizia di Cerignola. Del 'branco' avrebbero fatto parte anche tre ragazzi di 13 anni, non imputabili, che sono stati segnalati al Tribunale dei Minorenni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • carlozani

    15 Marzo 2012 - 09:09

    Non c'è più da meravigliarsi di questi episodi in continuo aumento tanto più che la cassazione ha stabilito che per lo strupro di gruppo di scegliere altre alternative al carcere così che qualche ragazzino in tempesta ormonale non ci pensa due volte a stuprare una ragazzina tanto poi c'è la benevolenza dei magistrati. Carlo Zani

    Report

    Rispondi

  • raucher

    14 Marzo 2012 - 19:07

    ma che famiglie hanno questi? Non sono le famiglie responsabili dei minori? Ci saranno risarcimenti? Spero di sì , e belli salati , almeno impareranno ad allevare i figli non come bestie. A meno che non siano i soliti nullatenenti...

    Report

    Rispondi

  • patrizia1992

    14 Marzo 2012 - 11:11

    ... per la loro età, però, scusate l'espressione, sapevano dove "metterlo". La colpa sarà sicuramente della ragazzina (che si porterà dentro per tutta la vita quello che ha subito). Perchè E' SEMPRE colpa della donna. Era lei che non si doveva fidare, era lei che non doveva incontrarli, era lei che doveva stare tappata in casa, era lei che doveva, al massimo, uscire con mamma e papà attaccati al sedere. Sarò cattiva ma per me, ragazzini o non ragazzini, li metterei in galera come "adulti", così in galera magari qualcuno gli farà lo stesso "servizio" che hanno fatto loro, tanto per far capire cosa si prova a stare dall' "altra parte". Hanno pure filmato tutto, è di moda ormai: ti stupro e faccio un video e lo metto su youtube, tanto che male c'è? E non credo alla bufala del "non si rendono conto della gravità di quello che stanno facendo", tutte balle se ne rendono conto e come, solo che se ne fregano.

    Report

    Rispondi

blog