Cerca

Santoro La verità su Michele e Annozero Telefonate e veleni: Masi vuota il sacco Rai

L'ex direttore generale svela le magagne di viale Mazzini in un libro. Dalle pressioni politiche al "mitico" intervento in diretta

Santoro La verità su Michele e Annozero Telefonate e veleni: Masi vuota il sacco Rai

Lo chiamano, sbeffeggiandolo, Sado-Masi, ma questa volta l'ex direttore generale della Rai Mauro Masi rischia di fare male non a sé, ma agli altri. Il libro-verità scritto insieme al giornalista del Corriere della Sera Carlo Vulpio, Un nemico alla Rai - 800 giorni "contro" (in uscita il 4 aprile) promette di svelare gli altarini di viale Mazzini. Telefonate, pressioni, gossip, voci di corridoio, veline, raccomandazioni. E tanti veleni. A cominciare da Michele Santoro e quella ormai mitica telefonata in diretta di Masi ad Annozero. Ma ce n'è per tutti, da Sgarbi a Ferrara. E proprio intorno alle cornette bollenti è imperniato un intero capitolo (dall'emblematico titolo "Se telefonando"). Quella, appunto, avvenuta verso le 21 del 26 gennaio: Annozero appena iniziato, e Masi che chiama in diretta per dissociarsi dal conduttore che non lo ha avvertito della scaletta e del contenuto della puntata. Santoro fa lo spaccone e si fa beffe di lui. Sarà licenziato e nascerà una querelle che ancora dura, ma nel frattempo un obiettivo Michele l'ha centrato: anche Masi c'ha rimesso il posto, con tanto di sberleffo dal suo consigliere Luigi Bisignani, eminenza grigia delle cose politiche italiane o gran trafficone/fanfarone, a seconda dei punti di vista, che sempre al telefono lo schernisce: "Ti ho visto ieri sera in tv, bella figura di merda...". E poi tutte le altre telefonate, da destra, dal centro, da sinistra, con i politici importanti e meno che chiamano il direttore generale per mettere una buona parola su qualcuno o qualcosa. E' l'eterna giostra della tv pubblica, che tutti gelosamente custodiscono e mantengono segreta. Non Masi: lui s'è stancato di essere preso a pallate e ora può togliersi qualche sassolino.

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • drjackal

    15 Marzo 2012 - 15:03

    Questi personaggi, di cui santoro (volutamente in minuscolo) era emblema, presenti numerosi in RAI (floris, annunziata, fazio....), si ergono al rango di profeti, impunemente monopolizzano uno spazio pubblico con un'informazione faziosa e scientificamente distorta, utilizzano artifici retorici per mistificare, ma non sono altro che strillatori di basso profilo e dimenticano che la conduzione di un programma non è uno strumento politico... ora, continuino pure a fare il loro gioco perverso, ma cerchino un'emittente privata o paghino di tasca propria per i loro vaneggiamenti in un servizio che, si suppone, sia ancora finanziato in gran parte dai contribuenti!

    Report

    Rispondi

  • criticone

    15 Marzo 2012 - 06:06

    se si decide di farlo sparire dallo schermo t.v.sarà festa per tutti i moderati.è uno schifo vederlo sbavare .sa solo criticare non fa trasmissioni culturali ma solo da cul.oscuratelo fa letteralmente schifo.

    Report

    Rispondi

  • Libero Di Rino (LDR)

    14 Marzo 2012 - 21:09

    Sarebbe ora di privatizzare la RAI!

    Report

    Rispondi

  • opzionemib0

    14 Marzo 2012 - 19:07

    siamo penosi noi italiani che non li prendiamo a calci nel cul....o. noi si che dovremmo vergognarci. invece di biasimarli...calci nei denti.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog