Cerca

Sollecito vola dalla Knox Colloquio a Seattle

Raffaele e la sua ex si incontreranno in America dove il ragazzo ha un appuntamento con la Microsoft

4
Sollecito vola dalla Knox Colloquio a Seattle

Raffaele Sollecito e Amanda Knox potrebbero rivedersi domani, a Seattle, per la prima volta da quando sono stati rimessi in libertà dal tribunale di Perugia. Il loro ultimo incontro risale a cinque mesi fa, nell’aula della Corte di Appello che, ribaltando la sentenza in primo grado, li assolse dall’accusa di aver ucciso Meredith Kercher.   Adesso il nuovo incontro: i due ex fidanzati si rivedranno probabilmente a casa di lei, in occasione di un ritrovo famigliare intimo. Ne dà notizia la stampa britannica: improbabile, sempre secondo i tabloid, che i due possano reiniziare una relazione: Lei adesso è legata a un suo amico di sempre, James Terrano, un musicista, con cui convive in un appartamento nella Chinatown di Seattle; lui sarebbe fidanzato con una giocatrice di pallavolo.

Colloquio di lavoro - Sollecito ha varcato l’Atlantico, accompagnato dal padre e dalla sorella, per un colloquio di lavoro con la Microsoft, sollecitato dal patrigno di Amanda, Christopher Mellas: un colloquio di lavoro che gli darebbe la possibilità di "sfuggire alla pressione" in Italia e di lasciarsi alle spalle i "quattro anni in prigione". Negli Usa, il ragazzo potrebbe anche incontrare un agente letterario, per mettere a punto i dettagli di un accordo per un eventuale libro di memorie. Nelle scorse settimane, si è saputo che la Knox ha firmato un accordo di 2,5 milioni di dollari con la Harper Collins per "il completo e inflessibile" racconto della sua esperienza.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    16 Marzo 2012 - 20:08

    FUORI DAI PIEDI!!!

    Report

    Rispondi

  • sirios

    sirios

    15 Marzo 2012 - 16:04

    Trovo ottima l'idea di allontanarsi dalle grinfie di una giustizia farlocca . Ormai si è ben capito che certa magistratura e certi investigatori creano prove ad arte e l'emblematico delitto di Perugia ne è costanza . Il suo tributo questo ragazzo l'ha pagato a caro prezzo ed è sicuramente meglio che si rifaccia una vita fuori dal confine italiano . Volere dei "colpevoli" a tutti i costi è giustizia da quattro soldi .

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    15 Marzo 2012 - 16:04

    Fa bene ad andarsene in America...Li almeno gli danno un lavoro,e pure alla Microsoft, mica micio-micio bau-bau ! Con le sue memorie dal carcere potra' mettere da parte un bel gruzzoletto e iniziare una vita in un Paese che si prendera' cura anche dei suoi figli che parleranno inglese e avranno tante opportunita'...In Italia sarebbe destinato al fallimento,come tutti gli altri giovani che non se ne vanno via !

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

media