Cerca

Sicurezza, passa il decreto

Ko ronde ed espulsioni

Sicurezza, passa il decreto
Il decreto sicurezza passa, con 397 voti favorevoli e sei contrari. Ma senza ronde, congelate dopo un accordo tra il centrosinistra e il governo e senza l'aumento del periodo di detenzione nei Cie, i nuovi Centri di identificazione e di espulsione che hanno preso il posto dei Cpt. All'interno della maggioranza scoppia un  vero e proprio caso politico, con la Lega Nord che vede del tutto snaturato un testo che aveva fortemente voluto e sostenuto. Montecitorio ha approvato gli emendamenti del Pd e dell'Udc che sopprimono l'articolo sull'esecuzione dell'espulsione degli immigrati a scrutinio segreto. Amareggiato, il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, dopo il colpo di scena alla Camera, ha parlato di "indulto per i clandestini" votato dalla Camera. Secondo il ministro, la bocciatura "mette in discussione tutto l'impianto delle politiche di contrasto all'immigrazione. Oggi è una bella giornata per i 1.038 clandestini che il 26 aprile torneranno in libertà. Chiederò chiarimenti a Berlusconi e se intende reintrodurre la norma al Senato. Se non ci saranno queste garanzie, mi regolerò di conseguenza".
E rabbia è stata espressa anche dal ministro della Difesa Ignazio La Russa, oggi assente alla votazione in quanto in visita all'Aquila: "Ho detto a Maroni che sono arrabbiato più di lui perché non mi avevano detto che c’era oggi questo pericolo".  In ogni caso La Russa rileva che anche la Lega contava oggi "8 assenti", e che sui franchi tiratori, che secondo l'ex reggente di An sono solo 12, nessuno deve scagliare la prima pietra: "È più probabile che siano del Pdl, ma non si può escludere che ci sia qualcuno della Lega. Indaghiamo in tutte le direzioni, ma si tratta di 12 scemi, che hanno usato utilizzato, un modo che non fa loro onore, il voto segreto. Fra cinque minuti - ha detto La Russa dopo il risultato negativo sui Cie - chiamo Berlusconi per dirgli che voglio una norma che sia dura il doppio".

La parte relativa alle ronde sarà inserita in un apposito disegno di legge in discussione dal 27 aprile. Quanto ai Cie, l’emendamento è passato a scrutinio segreto con 232 voti a favore e 225 contrari. Dodici gli astenuti, di cui dieci dell’Italia dei valori (su 22 presenti). Gli altri due sono Paolo Guzzanti e Americo Porfidia. Secondo i calcoli del Pd sui tabulati della votazione, sarebbero 17 i deputati del Pdl che hanno votato con l’opposizione per sopprimere la norma che prolungava fino a sei mesi la permanenza degli immigrati nei Cie in attesa di espulsione. Dai tabulati emerge anche che il gruppo del Pdl era quello con più assenze: oltre il 30%.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fonty

    fonty

    10 Aprile 2009 - 10:10

    Ora non vorrei che la Lega,per la legge del contrappasso o del taglione,rendesse al PDL pan per focaccia,le occasioni non mancheranno.Ma che razza di alleati sono,se poi non mantengono i patti ? E gli onorevole Pidiellini hanno bisogno del voto segreto per dissentire? Ma sono uomini o caporali,direbbe Totò ? E scommetto che anche Fini si è unito (in segreto naturalmente anche lui) al coro degli esultanti,ora forse non parlerà più del caffè con Bossi. Finalmente andavano in porto delle norme serie per contrastare l'invasione dei clandestini,ed ecco che invece tutto si blocca e si ritorna indietro di un giro,come nel gioco dell'oca.

    Report

    Rispondi

  • marco50

    09 Aprile 2009 - 15:03

    gli effetti saranno : al nord Lega + 20% PDL - 15% UDC - 5%

    Report

    Rispondi

  • gianpaolorossetti

    09 Aprile 2009 - 10:10

    Penso che si doveva arrivare a questo. Non tutti ritengono che rigore sia necessario per fronteggiare la delinquenza e l'immigrazione selvaqgia tipo invasione. per questo mi sembra che la Lega sia più affidabile che il PDL con tante anime. Però attenzione, se la Lega non verrà fuori da questa trappola e si accontenterà del federalismo , tutto da verificare, c'è il rischio che i voti abbandonino la Lega. Quindi non si può abbandonare il tema sicurezza. Sicurezza e freno all'immigrazione incontrollata fanno la differenza con l'opposizione di sinistra.

    Report

    Rispondi

  • swiller

    09 Aprile 2009 - 10:10

    Meglio soli che male accompagnati

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog