Cerca

Altre nuove tasse sulla benzina Spunta il "balzello disgrazia"

I costi legati alle calamità naturali saranno coperti con le accise sul carburante. Italia maglia nera: maggiori rincari al mondo

Altre nuove tasse sulla benzina Spunta il "balzello disgrazia"

La benzina sfiora i 2 euro al litro, un prezzo talmente esagerato da costringere anche la Guardia di Finanza ad accendere un faro e ad aprire un'inchiesta. Ma alla politica il salasso continuo a cui sono sottoposti gli italiani non interessa. Ed ecco che dalla Commissione Affari costituzionali del Senato è arrivato l'ok bipartisan al dl semplificazioni, che di fatto reintroduce la copertura dei costi sulle calamità naturali attraverso l'aumento delle accise regionali sulla benzina. In soldoni, per sostenere il fondo, in futuro potrebbe essere decisa la possibilità all'aumento delle accise sui carburanti a livello locale. Si tratta della cosidetta "tassa disgrazia", anche se la disgrazia continua è quella a cui sono sottoposte le tasche degli italiani.

Le motivazioni - Quello approvato contestualmente al dl semplificazioni è un aumento automatico, al quale hanno dato il loro ok Pd, Udc e Pdl. La modifica della norma, hanno spiegato fonti di Palazzo Madama, si è resa necessaria poiché la Commissione Bilancio del Senato ha dato parere negativo ai profili di copertura finanziaria della norma introdotta a Monteciotrio. Con la cancellazione del meccanismo automatico di finanziamento del fondo per le calamità naturali era venuta meno la copertura economica della norma e dunque il fondo statale per gli imprevisti si sarebbe progressivamente svuotato delle risorse necessarie, con ripercussioni negative per la finanza pubblica.

Italia maglia nera - La notizia sui possibili rincari è arrivata pochi minuti dopo la diffusione di uno studio che spiega, chiaro e tondo, che l'Italia è già maglia nera nei rincari sul carburante: i prezzi della benzina nell'ultimo anno hanno subito il balzo in avanti più consistente al mondo. In media il rincaro al distributore è stato superiore al 18 per cento. Nella poco lusinghiera classifica siamo incalzati dall'Ungheria, dove la benzina è salita in dodici mesi, in media, del 17 per cento. Poi la Polonia al 14 per cento. Menzione d'onore per la Francia, che in controtendenza ha visto nell'ultimo anno diminuire i prezzi della benzina.

Classifica assoluta - I dati sono stati snocciolati da una ricerca pubblicata dall'Economist, uno studio realizzato dall'Automobile Association e dall'Australian institute of petroleum, che hanno incrociato i dati su scala globale da febbraio 2011 fino a febbraio 2012. Il rapporto permette poi di stilare la classifica assoluta, depurata dai rincari, dei Paesi dove la benzina costa di più al mondo: l'Italia, con un costo medio di 2,3 dollari al litro, si attesta al terzo posto (peggio solo nei Paesi Bassi, con 2,32 dollari al litro, e in Norvegia, 2,58 dollari). Gli Stati Uniti, nonostante un aumento dei prezzi del 12% registrato negli ultimi 12 mesi, sono all'ultimo posto con un costo medio al litro dei carburanti di 0,93 dollari al litro (4 dollari a gallone). Sono l'unico Paese a posizionarsi sotto la soglia di 1 dollaro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rosfer

    02 Aprile 2012 - 19:07

    Non un provvedimento che sia uno che riguardi tagli alla politica. Si parlava di tagli dei parlamentari; eliminare una delle due camere (doppione inutile e perditempo); eliminare le Provincie; ridurre il numero dei consiglieri comunali; ridurre (i lauti) stipendi e rimborsi; eliminare le auto blu (e invece se ne vedono sempre più e sempre più nuove). Le tasse, l'IMU, la benzina e le sue accise (sapete che paghiamo ancora € 0,039 per la guerra d'Abissinia? Ma non era finita?), pedaggi autostradali, assicurazioni auto (3.000 € per un MOTORINO), pensioni al lumicino (sapete che Amato, il dott. sottile, quello che ha per primo riformato le pensioni, percepisce 40.000 euro 40.000 di pensione MENSILE?). La gente non compra più nemmeno il necessario! Disoccupati alle stelle. I ns/cervelli che fuggono all'estero. Ma si rendono conto che da qui a qualche mese al massimo, SE NON RIMETTONO SUBITO IN MOTO IL VOLANO "ECONOMIA", l'Italia farà un botto tale che al confronto la Grecia è un petardo?

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    28 Marzo 2012 - 00:12

    l'importante è che paghiamo ancora le accise per mantenere balordi negri finti profughi di vent'anni in albergo, in un'interminabile vacanza di ozio di mesi e mesi. Carogne.

    Report

    Rispondi

  • frabelli

    27 Marzo 2012 - 23:11

    La disgrazie è il governo che 'è ora voluto da Napolitano, contro il volere degli elettori; d'ora in poi conteranno sempre meno.

    Report

    Rispondi

  • piero1601

    27 Marzo 2012 - 20:08

    Scusate ma io non ho ancora visto i loro sacrifici; si, mi riferisco ai politici, da nord a sud, da destra a sinistra. Si fa molta fatica a tagliare gli stipendi degli amici, e degli amici degli amici. A farsi restituire i soldi da chi li ha rubati (ma sono tutti amici) Mandare a casa qualcuno di loro non è possibile: da chi cominciamo? E chi decide colui che andrà fuori dalle scatole? Si fa prima a dire a tanti disoccupati, pensionati, precari ecc. "DOVETE PAGARE". Ce ne fosse uno che ci dimostri quali sacrifici stia affrontando, e li vedi ancora allo stadio con le auto blu (ne ho bisogno io di una per andare a lavorare) Ormai ci stanno togliendo la pelle di dosso e ci venderanno ai cinesi (o ci hanno già venduti; non produciamo più niente). Abbiamo bisogno di un governo fatto da gente straniera (magari giapponesi) così non avrebbero "amici".

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog