Cerca

Bastonato da tre romeni: prof in coma irreversibile

Ausonio Zappa, fondatore dell'accademia di Belle Arti di Milano picchiato nella sua villa a Viterbo. Volevano rapinarlo

Bastonato da tre romeni: prof in coma irreversibile

E’ in coma irreversibile il professor Ausonio Zappa, fondatore dell’Accademia di Belle Arti di Milano e di Viterbo. L'uomo, 82 anni, è rimasto vittima la notte scorsa di una violenta rapina nella sua casa a Bagnaia, in provincia di Viterbo, da parte di 3 persone che lo hanno picchiato a bastonate o con il calcio di una pistola chiedendo la consegna di denaro e gioielli. Questo, però, non è stato possibile perchè il professor Zappa ha immediatamente perduto i sensi. Nel frattempo i malviventi non si sono accorti che era scattato l’allarme collegato alla centrale operativa di una società privata di sorveglianza. Sono stati gli stessi vigilantes arrivati sul posto a soccorrere l'anziano e a chiedere l’intervento dei carabinieri della compagnia di Bagnaia e del reparto operativo provinciale di Viterbo. 


I carabinieri del comando provinciale di Viterbo hanno fermato tre romeni che al momento sono sotto interrogatorio. Analogo episodio si era verificato due notti fà nel frusinate, dove due anziani, sempre a colpi di bastone, erano stati rapinati nel cuore della notte, legati e imbavagliati. Il bottino questa volta è stato di circa 8mila euro.

 


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    31 Marzo 2012 - 17:05

    A COMMETTERE DELITTI.BASTA!!!! Ma quando fanno una legge per sbatterli fuori!? Non ci bastano i nostri,abbiamo l'aggiunta di delinquenti!!!!!

    Report

    Rispondi

  • cignoblu

    29 Marzo 2012 - 14:02

    Lo sò bene , che loro sono protetti da guardie del corpo pagate da noi ! x Questo mi auguro ke lei o sua figlia provino il piacere di avere una sera degli.... ospiti a sorpresa..... , e le violentino ! si meritano solo questo considerata l arroganza ke hanno nel snobbare e lasciare indifesa, da questi animali , la povera gente onesta ..... Ne abbiamo pieni i coglioni di questa merda ke arriva in italia .... e la soluzione semplice ci sarebbe .... scritta nei libri di storia .... e ne ricaveremmo tante " saponette " ..x ripulire ciò ke hanno sporcato , e su ogni saponetta ci sarà il nome del " donatore " e cosa ha fatto x meritarsi questa straordinaria trasfomazione ....

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    29 Marzo 2012 - 13:01

    Fecero irruzione nella villa torturando a morte i custodi.Il medico legale dell'Umberto primo di Mestre disse"In 30 anni di professione non ho mai visto nulla di simile".E se lo diceva lui che tra le autopsie e relazioni ci ha speso la vita intera,ci si puo' credere.Condannati in primo grado all'ergastolo,annullato in appello....Adesso le tre bestie stanno facendo ricorso in Cassazione.Probabilmente si faranno dentro qualche anno e poi liberi di delinquere ancora.Intanto sotto le loro sapienti mani ci hanno rimesso la pelle due anziani tra atroci sofferenze..Bene sarebbe che appena liberi qualcuno gli sparasse come girano l'angolo.Troppo diritto,troppo garantismo...e quando di diritto ce ne è troppo inizia l'abuso.Meglio la mafia con le sue sentenze rapide,inappellabili ma sopratutto certe.e' QUESTA è la sostanziale differenza tra lo stato e la Mafia.A proposito la nazionalità dei tre bravi ragazzi?Romena ed Albanese.Tanto per cambiare.

    Report

    Rispondi

  • domino65

    29 Marzo 2012 - 11:11

    come non essere d'accordo?

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog