Cerca

Uno su quattro picchia figli: 'Una legge contro gli schiaffi'

Save the Children: contro la violenza sui bambini, il Parlamento leghi le mani ai genitori. Voi cosa pensate? Votate sondaggio

Uno su quattro picchia figli:  'Una legge contro gli schiaffi'

In Italia un genitore su quattro schiaffeggia i figli e, sempre uno su quattro, considera educativo lo sculaccione. I dati emergono da una ricerca realizzata da Ipsos per Save the children che ha lanciato la campagna "A mani ferme" contro le punizioni fisiche nei confronti dei bambini. Save the Children chiede che l'Italia approvi una legge che vieti il ricorso alle maniere forti, esattamente come succede in altri 31 Paesi al mondo, 22 in Europa. La prima è stata la Svezia che nel 1979 ha avuto ha messo al bando le punizioni fisiche e dove nell'estate del 2010 un papà italiano è rimasto in cella per aver tirato i capelli al figlio di dodici anni fuori da un ristorante di Stoccolma. In Italia la Cassazione ha stabilito che "quando sia vibrato con tale violenza da cagionare pericolo di malattia", il ceffone configura il reto sdi "abuso di mezzi di correzione".

 

 


 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • blues188

    29 Marzo 2012 - 10:10

    Non solo non fa male, ma aiuta a crescere. Diversa la violenza gratuita che è sempre male. Ma un ceffone raddrizza certe vie storte

    Report

    Rispondi

  • graziella

    28 Marzo 2012 - 22:10

    troppo comodo sfogare la propria rabbia con un bambino, i capricci li abbiamo fatti tutti e ce ne siamo dimenticati purtroppo, pretendiamo regole e doveri dai nostri figli , ma dimentichiamo di non aver dato loro nessun esempio a cui fare riferimento. Molti strattonano e rimproverano con schiaffi sulle mani i propri figli al supermercato alzando la voce per cercare consenso ed approvazione dagli altri clienti e poi sono i primi che saltano la coda o si comportano da maleducati. Fanno pena coloro che sono convinti che la violenza aiuti a crescere, che uno sculaccione serva a correggere certi comportamenti, è molto più complicato ed impegnativo parlare con i propri figli, sicuramente più sbrigativo e risolutivo distribuire ceffoni : il bimbo piange ? bene , gli servirà nella vita, certo capirà che facendo il prepotente imporrà il suo modo di pensare. Molti , troppi adulti avrebbero bisogno di ceffoni, di calci in c... ma i grandi si sono fatti le leggi e sono intoccabbili e tronfi ..

    Report

    Rispondi

  • Liberamentelibero

    28 Marzo 2012 - 15:03

    Altro è massacrare i figli a colpi. Come sempre accade, non sarà certo una legge a regolamentare le famiglie in assoluto, perché ora se la legge non c'è ci saranno figli maltrattati, se la legge c'è ci saranno figli cafoni e maleducati con genitori senza mezzi (quando gli altri mezzi falliscono...e capita...). Dunque si tratta sempre di buon senso del cittadino-genitore. Magari facessero delle campagne di sensibilizzazione per gli adulti e di educazione sin dall'asilo, così da promuovere forme educative alternative...ma non certo sullo stampo delle correnti francesi del "lasciar fare" degli anni '80, che per il francese idiotismo e di chi l'ha seguito, ha prodotto generazioni di debosciati, frustrati, rabbiosi giovani ragazzi. La virtù sta nel mezzo...

    Report

    Rispondi

  • perfido

    28 Marzo 2012 - 15:03

    di tutta questa violenza che assistiamo per strada, -a mio avviso- che sono padre di due figli, e nonno, è da attribuire a tutti quei genitori che dal '68 ad oggi, non hanno provveduto a dare, tra l'altro, anche qualche ceffone ai figli, i quali, diventati GRANDI, hanno ben pensato di ridurre il nostro Paese, come non lo era prima. Sono daccordo a "legare le mani" ai genitori, qualora nascessero figli già MAGGIORENNI. Istituire una scuola per insegnare ai PADRI e alle MADRI ??. No vero??. Saluti.

    Report

    Rispondi

blog