Cerca

Equitalia sbaglia 2 volte su tre e c'è chi si brucia per le tasse

Un milione di liti con l'Erario, ma in un terzo dei casi il balzello si rivela ingiusto: numeri che fanno paura e impressione

Equitalia sbaglia 2 volte su tre e c'è chi si brucia per le tasse
Contenziosi tributari. Persone e imprese che hanno portato il Fisco (o chi per esso) davanti al giudice, poiché si ritengono vittime d’una qualche ingiustizia o sopruso. E attenzione, che non si tratta di dare addosso all’Erario in quanto tale. Ma certo i numeri - soprattutto in questo periodo di parossistica pressione fiscale - fanno impressione. Perché i contenziosi fiscali pendenti davanti alle Commissioni tributarie - secondo i dati consolidati al 31 dicembre 2009 e diffusi dal Dipartimento ministeriale delle Finanze - i contenziosi pendenti di questo genere, dicevamo, sono addirittura un milione. Per la precisione: 945mila e 295. E non è che negli ultimi due anni la situazione sia cambiata. Per dire: nel corso del 2009, ne sono stati presentati ben 360mila di nuovi. E s’arriva così a un 6,22% di vertenze in sospeso in più rispetto all’anno precedente: il numero di ricorsi pervenuti è stato superiore a quelli definiti.

Com’è facilmente intuibile, le controversie più numerose si sviluppano intorno a imposte quali Irpef (limitandosi all’anno 2009, il 18% del totale) e Irap (21,5%, da sola o con altre imposte dirette e indirette), la tassa sulle attività produttive di cui si promette l’abolizione da tempo immemorabile. «Il fatto è che la crisi ha colpito non solo il sistema produttivo, ma anche il sistema istituzionale». In che senso? Il commercialista Pierluigi Balsarin, che proprio di questi casi si occupa nel Trevigiano, ci spiega che «ultimamente abbiamo notato un notevole irrigidimento nel dialogo fra istituzioni amministrative e contribuenti. Come se, ancor di più, questi accertamenti servano all’Erario soprattutto per far cassa». E dunque? «Un tempo riuscivamo a chiudere più facilmente i contenziosi in via extragiudiziale, a trovare punti di accordo. Ora non più: vengono applicate rigidamente le tabelle anche in presenza di situazioni chiaramente paradossali. E attenzione, perché qui non si tratta di evasori, ma di persone e imprese ben presenti al fisco».

Ma c’è anche un altro dato che fa riflettere: in questi contenziosi, per quanto riguarda il primo grado di giudizio (che si svolge presso la Commissione provinciale), una volta su tre - nel 35,6% dei casi - il giudice dà del tutto ragione al contribuente. E c’è un altro 25% di procedimenti in cui il magistrato propende per, diciamo così, una soluzione di compromesso. La percentuale di sentenze favorevoli al ricorrente addirittura sale - e arriva al 44,21% - nel secondo grado di giudizio, quello su cui decidono le Commissioni regionali. Facendo un calcolo nient’affatto scientifico ma nemmeno campato per aria: considerando il milione di pratiche pendenti e applicando queste percentuali, è probabile che in circa 600mila casi - 600mila! - il fisco abbia completamente o in parte torto. Ha appioppato tasse che non gli erano dovute.

di Andrea Scaglia

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roda41

    01 Aprile 2012 - 11:11

    BENE !!!! suicidiamoci tutti !!!ma a quando una bella ghigliottina a "omicidiare" loro?????

    Report

    Rispondi

  • gibuizza

    30 Marzo 2012 - 10:10

    .... se sbaglia Equitalia va tutto bene. Si può sapere quanti funzionari, dirigenti, consiglieri di Equitalia hanno pagato per avere emesso cartelle false o cartelle errate? Che differenza c'è se sbaglio io a compilare i bollettini di pagamento o se sbagliano loro? Aspetto che dei giudici onesti applichino al personale Equitalia le stesse sanzioni che loro applicano a noi in caso di errore, poi si può cominciare a discutere ...

    Report

    Rispondi

  • Baronedel Carretto

    30 Marzo 2012 - 10:10

    Il metodo è semplice: vi è una situazione che il brillante funzionario di Equitalia non capisce? Bene esce subito l'accertamento, multa e cartella esattoriale associata. Certe volte basterebbe una telefonata!! Molti pagano per paura o perchè la cifra richiesta è bassa (fanno parte dei 400.000). Molti vanno in causa e vincono. Befera ha ricuperato 12 milardi? Ma quanti ne ha spesi? Se ipotizziamo che ogni causa costa allo stato 12.000,00€, per 600.000 cause perse fanno 7,2 miliardi€. Poi ci si mettono i costi di struttura, blitz, mangiate a Cortina (gli 80 ispettori in gita a Cortina da qualche parte hanno mangiato e dormito) quanto effettivamente porta in cassa il "metodo befera"?

    Report

    Rispondi

  • ovidioeduardomonaco

    30 Marzo 2012 - 09:09

    La situazione è drammatica; siamo sulla prima linea del fronte e di conseguenza destinati a soccombere contro l'esercito dei "consumatrori di tasse", ma consci di tutto questo abbiamo il diritto dovere di difesa ad oltranza portandoci anche altri con noi nell'ultimo viaggio--.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog