Cerca

Caso Orlandi, ipotesi dei pm In Vaticano qualcuno sapeva

La procura di Roma: "C'è chi sa il perché della scomparsa". E la tomba di De Pedis a Sant'Apollinare non verrà riaperta

Caso Orlandi, ipotesi dei pm In Vaticano qualcuno sapeva
In Vaticano qualcuno sa la verità su Emanuela Orlandi. Ne è convinta la procura di Roma che indaga sul caso e che tra qualche mese dovrà decidere se chiudere la vicenda giudiziaria o procedere con le richieste di rinvio a giudizio. La novità del giorno sull'inchiesta è che non verrà riaperta la tomba di Enrico De Pedis, detto Renatino, uno dei capi della banda della Magliana, sepolto nella basilica di Sant'Apollinare. Il procuratore aggiunto Giancarlo Capaldo, che indaga sulla scomparsa di Emanuela, sembra orientato a rinunciare a ispezionare il sepolcro.

"Renatino" sapeva tutto? - Il ruolo di De Pedis nella vicenda non è mai stato chiarito. Il suo coinvolgimento nella vicenda risale al 2005, quando una telefonata anonima alla trasmissione Chi l'ha visto?, lo collegò alla sparizione della quindicenne. Diverse testimonianze tra cui quella di Sabrina Minardi, ex fidanzata di De Pedis, hanno messo in relazione alcuni membri della banda della Magliana alla scomparsa della Orlandi nel 1983. Al momento è difficile fare previsioni, ma le indagini hanno portato alla luce "alcuni segmenti di verità giudiziaria", a livello indiziario, difficili da poter sostenere in un eventuale dibattimento processuale. Il mistero di Emanuela Orlandi, quindi, è destinato a far discutere ancora.

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • rdebby56

    03 Aprile 2012 - 16:04

    I PM affermano che in Vaticano qualcuno sapeva. Penso che i PM siano dei cereblolesi, in quanto tutta la popolazione italiana era giunta a questa concluzione 29 anni fa !!!!

    Report

    Rispondi

  • iltrota

    03 Aprile 2012 - 09:09

    Perchè Libero non propone una raccolta firme, una petizione per convincere chi ha l' autorità al fine di aprire la tomba del De Pedis e fare finalmente luce su questi misteri vergognosi? La famiglia della povera Emanuela merita rispetto.

    Report

    Rispondi

  • francopit

    03 Aprile 2012 - 07:07

    Rispetto che il Vaticanon non merita: scandalo IOR; preti pedofili; Marcinkus; etc. Giudici! Non ve ne lavate le mani! E' vigliaccheria.

    Report

    Rispondi

  • nicola.guastamacchiatin.it

    02 Aprile 2012 - 20:08

    E' più facile che tutto il Vaticano passi dalla cruna di un ago, che siano svelati tutti i misteri che avvolgono i fattacci accadutri in Italia sin dalla stessa creazione dello Stato Italiano. Lo stesso Moro, attraverso il suo diario scritto dalla prigione delle BR ebbe a scrivere che nel nostro Paese vi sono forze di gran lunga superiore allo Stato, che mettono paura. Ma l'incredibile è che un noto delinquente che faceva parte del comandio della famosa banda della Magliana, venga sepolto nella Basilica di S.Apollinare dove, addirittura, non può essere posto in altro loco meno famoso data la natura stessa del sepolto. Che una ragazza figlia di un funzionario della Cità del Vaticano, sparisca come una foglia al vento e nessuno sa come. Insomma sembra che tutti questi segreti facciano parte del famooso "dogma" credere anche a chi ve4nde fumo per arrosto". Credo sinceramente che la colpa di tutto questo caos si deve soltanto a tutti i partiti che da 60 anni hanno fatto come hanno volu

    Report

    Rispondi

blog