Cerca

Crisi, imprenditore si toglie la vita Era pieno di debiti

L'uomo era un artigiano di Centocelle. Ha lasciato una lettera in cui spiegava i motivi del gesto. Forse si era rivolto ad un usuraio

Crisi, imprenditore si toglie la vita Era pieno di debiti

Un altro suicidio per colpa della crisi economica, ed è il sedicesimo dall'inizio dell'anno. Questa volta è accaduto a Roma, a Centocelle, dove un corniciaio si è impiccato lunedì nel suo negozio. La tragica scoperta è stata fatta dal figlio che, verso l'ora di pranzo, era andato a trovarlo. Su un tavolo è stata trovata una lettera d'addio, dove Pasqualino Clotilde ha scritto i motivi che lo hanno spinto a suicidarsi: "Problemi economici insormontabili". Secondo i vicini, l'uomo sarebbe ricorso all'aiuto degli strozzini per risolvere la mancanza di liquidità. Una mossa disperata che lo avrebbe portato alla disperazione. Un amico dell'artigiano ha raccontato di aver giocato a carte con lui poco prima che si togliesse la vita: "Mi diceva che anche lui risentiva della crisi economica ma non avrei mai pensato che potesse togliersi la vita".

Lo spettro dell'usura - Il dramma sembra legato al prestito a strozzo ormai radicato nella periferia romana. I residenti assiepati davanti al piccolo negozio di Clotilde hanno spiegato: "Qui c’è gente senza scrupoli che gira su fuoriserie e approfitta di chi ha bisogno di soldi". La morte del corniciaio è l'ultima in ordine di tempo in questo periodo di crisi. La settimana scorsa, due uomini si erano dati fuoco perché esasperati dalle troppe tasse e dai debiti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Mirko1982

    23 Aprile 2012 - 08:08

    Ciao Papà sono Mirko tu hai chiesto di perdonati ma cos ti dobbiamo xdonare ci hai dato tutto spero che da lassu guardi che sto cercando e facendo il possibile x mandare avanti i tuoi insegnamenti e spero che 6 felice... Mi manchi tanto Mi mancano i tuoi scherzi le tue risate avevi sempre un sorriso x tutti e mi mancano le tue continue strillate che m'insegnavano a vivere e crescere sei stato sempre un padre buono e presente in tutto nn mi hai fatto mancare nulla eri e resterai unico sarai x sempre nel mio cuore... Grazie di tutto Papà... Ti Amo tuo Figlio Mirko

    Report

    Rispondi

  • Il_Presidente

    04 Aprile 2012 - 23:11

    vi siete ricordati di dare le case popoari ai rom? Mi raccomando!

    Report

    Rispondi

  • lulumicianera

    04 Aprile 2012 - 14:02

    Non bisogna uccidersi ma andare al palazzo e prendere a calci i politicanti edi banchieri di cacca.Intanto ci si toglie una bella soddisfazione e poi capiranno finalmente che siamo stifi di loro e delle loro politiche del cavolo.Gli artigiani sono la spina dorsale dell'Italia ,non i banchieri avvoltoi

    Report

    Rispondi

  • cignoblu

    04 Aprile 2012 - 11:11

    Sono pienamente d accordo con tè amico ...... Ci penserà il buon DIO a far pagare gli interessi a quei maledetti...e pagheranno settanta volte sette x ogni male fatto ad ogni singola anima.....

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog